21 marzo 2017. Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

 

Il 23 giugno del 1992, ad un mese dalla strage di Capaci, il Gonfalone del Comune di Campobasso, portato con orgoglio dal vigile Michele Denaro, sfilò a Palermo insieme a 400 manifestanti molisani che raggiunsero con un treno straordinario il capoluogo siciliano per aderire all’iniziativa nazionale promossa da CGIL – CISL – UIL contro la mafia e in ricordo di Giovanni Falcone e della sua scorta.

A 25 anni di distanza, il Comune di Campobasso, aderisce meritoriamente alla Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti della mafia, si collega con LOCRI dove ha operato per anni il Vescovo della nostra città, e ospita eventi finalizzati a promuovere la cultura della legalità, del bene comune e del diritto al lavoro, allo studio e alla sanità pubblica.

Un cammino di 25 anni che ha saputo unire virtuosamente le migliori energie della società civile, del mondo del lavoro, dell’associazionismo studentesco e delle istituzioni più sensibili, ma che va rilanciato con determinazione, per fermare la pervasività dell’infiltrazione mafiosa in Molise, il diffondersi dell’omertà e di una rassegnazione che allontana i cittadini dalla partecipazione attiva.

La nostra associazione, insieme alla Scuola di Formazione Politica della Diocesi di Trivento “Paolo Bosellino” e a preziose esperienze dell’area del cratere, Termoli e Campobasso, ha sostenuto l’avvio della Rete di Libera Molise, ponendosi a servizio del territorio e promuovendo iniziative per tener viva la memoria di Paolo Borsellino, Pio La Torre, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone, Don Peppe Diana e delle vittime innocenti di mafia.

Libera contro le Mafie del Molise con la sua attività ha svolto e svolge una funzione sociale preziosa nelle scuole, in collaborazione con le Forze di Polizia e le Istituzioni, con seminari, eventi e incontri di cui si avverte una forte necessità anche nella nostra regione che ospita agli arresti domiciliari, al confino e negli Istituti Penitenziari pericolosi esponenti della ‘Ndrangheta, della Mafia della Sacra Corona Unita, della Camorra e della nuova mafia del Gargano e della provincia di Foggia.

Per questo come Associazione abbiamo voluto ricordare e apprezzare il valore dei volontari di Libera Molise, e custodire nei nostri cuori il sorriso di Leo e Maria Concetta, che ci spronano con il loro esempio di vita a proseguire nel cammino intrapreso.

E per questo domani, come sempre, saremo insieme alla nostra Rete di Associazioni contro le Mafie per testimoniare l’impegno per la legalità, e ricordare il giovane carabiniere di Morcone, Elio Di Mella, e tutte le vittime innocenti barbaramente trucidate dalla criminalità organizzata.

 

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK