Il dott Lucio Pastore sospeso dal servizio dai vertici Asrem, apprende la notizia dai media

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

La direzione generale dell’Asrem ha comminato la sospensione di tre giorni dal servizio per Lucio Pastore, il dirigente del Pronto Soccorso di Isernia, accusato dall’Asrem di aver violato il regolamento di disciplina per aver diffuso sugli organi d’informazione alcuni suoi commenti in difesa della sanità pubblica. E, per ironia della sorte, l’Asrem, che accusava Pastore di aver usato impropriamente gli organi d’informazione, potrebbe finire essa stessa nel ciclone delle polemiche, accusata dall’avvocato del medico di aver diffuso notizie riservate e coperte dal segreto d’ufficio, come quelle relative ai procedimenti disciplinari. Infatti, né Lucio Pastore, né il suo difensore, Oreste Scurti, sapevano nulla della decisione presa dal collegio disciplinare della Asrem. E per il dirigente medico, apprenderla in mattinata dagli organi d’informazione, è stato un vero e proprio shock, tanto da farlo sentire male e finire in ospedale. Il suo avvocato ha già preannunciato un esposto alla magistratura, sia per la violazione del segreto d’ufficio, sia per l’infondatezza stessa del provvedimento di sospensione. edg

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK