Agnone-Ospedale S.F. Caracciolo: Sindaco Marcovecchio e Comitato art 32 presentano al Tar Molise motivi aggiunti ai ricorsi pendenti

La scelta di presentare motivi aggiunti ai ricorsi già pendenti dinanzi al TAR  è dettata dalla opportunità che la data per la discussione nel  merito degli stessi è  già stata fissata per il 24 maggio p.v

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Allo scadere dei termini per impugnare il decreto n. 15/2017 emesso dal Commissario ad Acta arch Paolo Frattura , oggi 21.04.2017 presso la sala della Giunta del Comune di Agnone,  il sindaco Avv Lorenzo Marcovecchio,  con gli amministratori ed in presenza del dott. Armando Sammartino, quale responsabile e rappresentante del  “Comitato articolo 32”, hanno discusso in merito all’impugnativa da presentare avverso il decreto di cui sopra e le motivazioni con cui argomentare tale ricorso.

Il Sindaco Avv. Lorenzo Marcovecchio ed il Comitato articolo 32, rappresentati e difesi dagli avv.ti Franco Cianci e Simone dal Pozzo,  presentano dinanzi al Tar del Molise  motivi aggiunti ai  ricorsi  pendenti dinanzi al Tribunale amministrativo affinchè il riconoscimento di  Ospedale di Montagna e di Confine e di area particolarmente disagiata riconosciuto al nostro nosocomio, con il decreto ministeriale n. 70/2015  non sia solo teorico, ma   effettivo e possa cosi permettere all’ospedale di Agnone di potere esplicare  e garantire i servizi necessari ed indispensabili per la tutela del diritto  della salute di tutti i cittadini   dell’Alto  Molise e dell’alto vastese .

Nei motivi aggiunti  si chiede che il San Francesco Caracciolo sia dotato di un proprio Pronto Soccorso di Base e quindi dotato di organico medico adedicato alla emergenza urgenza, un laboratorio di analisi di Pronto Soccorso , un reparto di reumatologia , oltre a  che sia presente un anestesista con turni di reperibilità H 24.

La scelta di presentare motivi aggiunti ai ricorsi già pendenti dinanzi al TAR  è dettata dalla opportunità che la data per la discussione nel  merito degli stessi è  già stata fissata per il 24 maggio p.v, di contro la presentazione di un nuovo ricorso comporterebbe lungaggini  di tempi che allo stato la nostra comunictà non può affatto permettersi.

Tale azione non è l’unica   intrapresa dall’amministrazione Marcovecchio, considerato che il  Sindaco Avv. Marcovecchio Lorenzo si è fatto portavoce di una interrogazione parlamentare oltre ad avere aderito al CISADEP.

Quant’anche la lotta possa apparire dura e stremante, l’attenzione sulle sorti dell’Ospedale di Agnone non verrà mai meno  

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK