Cittadino marocchino 28enne, in stato di ebbrezza alcolica, tratto in arresto per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

       Nell’ambito della pianificazione dei servizi di controllo del territorio predisposti dalla Questura, si comunica che in data 17 giugno 2017, personale dell’UPGSP  in servizio di controllo del territorio, alle 01.35 circa, interveniva, in questa Via Trivellini presso il locale denominato Kless Five, per segnalazione di musica ad alto volume . In quel frangente gli operatori venivano oltraggiati da buona parte degli avventori con epiteti scurrili e frasi irriguardose per la funzione esercitata, in particolare 2 giovani perduravano con la descritta attività oltraggiosa. I predetti , identificati per P.R. di anni 26 e F.A. di anni 35, in evidente stato di ebbrezza alcoolica, venivano contravvenzionati per ubriachezza molesta e denunciati per oltraggio e  minaccia a pubblico ufficiale. Nella giornata odierna poi alle ore 00.55 circa,  personale dipendente dell’UPGSP  interveniva, in questa Piazza Andrea D’isernia ”, presso l’esercizio pubblico denominato “ Bar Manhattan” per segnalazione di persona  molesta.  Sul posto veniva identificato  il cittadino marocchino  A.E.S.  di anni 28, pregiudicato, il quale  come riferito dal titolare del locale aveva creato notevoli turbative agli avventori ed allo stesso personale del locale, a causa della notevole quantità di bevande alcoliche  assunte. Gli operatori avuta contezza dell’identità dello straniero e verificando tra l’altro nello stesso una chiara sintomatologia di ebbrezza alcolica,  lo invitavano a declinare le generalità ma questi tentava di allontanarsi più volte, proferendo ingiurie nei confronti degli operatori in uniforme, Il citato straniero seppur barcollante tentava di  sottrarsi al controllo, allontanandosi ma veniva raggiunto e bloccato dagli operatori di Polizia. Nella colluttazione colpiva con il ginocchio uno degli intervenuti e roteava con violenza il braccio dell’altro operatore, fino a che non veniva bloccato definitivamente e tratto in arresto per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Dopo le formalità’ di rito, l’arrestato veniva tradotto  presso la Casa  Circondariale di Isernia. A disposizione dell’A.G.

 

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK