Voucher, la Cgil Molise dice no e si scaglia contro il ministro Di Maio

Il sindacato dichiara fin da ora di essere pronto a mobilitarsi ancora contro il ripristino voluto dal Decreto Dignità

| Categoria: Attualità
STAMPA

"Stupisce la posizione del Ministro Di Maio che, in netta contraddizione con la regolazione dei contratti a termine, apre alla forma di precariato più estrema". 

Lo dichiarano il segretario regionale della Cgil Molise Sandro Del Fattore e la responsabile del mercato del lavoro Lucia Merlo.

"Una distanza abissale tra le enunciazioni e i fatti - hanno continuato -Di Maio afferma di voler eliminare la precarietà ma apre alla reintroduzione dei voucher in Agricoltura e nel Turismo dimenticando il Ministro che proprio in questi settori si è avuto l’abuso massimo del loro utilizzo. I buoni lavoro, per esempio, nel Turismo servivano per istituzionalizzare il lavoro nero, per garantire le aperture notturne delle grandi catene di distribuzione creando veri e propri eserciti di sfruttati. Alcuni operatori della ristorazione collettiva usavano i voucher in occasione dell’apertura di nuovi punti vendita, ristoranti li usavano in sostituzione di contratti veri. Il Ministro Di Maio dovrebbe ricordare quando definiva i voucher una “forma di schiavitù” e ritornare sui suoi passi poiché appare fin troppo chiaro che l’unica necessità che si intravede dietro questa decisione è quella di una riduzione dei costi per le imprese fatta sulla pelle dei lavoratori. L’obiettivo più volte dichiarato di voler rilanciare l’economia non può prescindere dalla valorizzazione del lavoro: quello stabile e contrattualizzato. La CGIL dichiara fin da ora di essere pronta a mobilitarsi ancora contro il ripristino dei voucher ripristinati dal Decreto Dignità che di dignitoso ha sempre meno".

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK