Raffaella Milandri ad Agnone presenta "Liberi di non comprare, un invito alla rivoluzione"

L'evento domenica 15 luglio 2018,alle ore 19.00, al Komby Irish Pub del Centro Studi Alto Molise"Luigi Gamberale,

| Categoria: Attualità
STAMPA

Domenica 15 luglio 2018,alle ore 19.00, al Komby Irish Pub di Agnone,il Centro Studi Alto Molise"Luigi Gamberale, presenta l’ ultimo libro di Raffaella Milandri, in uscita a metà luglio: “Liberi di non comprare. Un invito alla Rivoluzione”, PS. Edizioni.A parlarne con l'autrice Armando Sammartino del CSAM, mentre allo scrittore Andrea Cacciavillani è affidata la lettura di alcuni brani scelti dal libro.

 Incentrato sulla decadenza della civiltà del consumismo con tutte le sue piaghe, il libro è un vero e proprio appello che ci accompagna attraverso una profonda  riflessione sul significato della vita stessa e dei suoi valori, incitando ad un cambiamento che ognuno può applicare,  scrollandosi di dosso abitudini e convenzioni che fanno solo il gioco della èlite ricca del Pianeta.

Dice l'autrice:“Dobbiamo cessare di essere consumatorieri diventare persone.Per non essere più denaro,o ciò che abbiamo,ma per essere di nuovo uomini”.

Attraverso il dialogo con Jesus, un senzatetto di New York, e con la saggezza millenaria di diversi esponenti di popoli indigeni, la Milandri mette a fuoco impietosamente come l’unica cosa che possediamo, il tempo della nostra vita, si trasformi in rivoli di denaro che defluiscono insensatamente  lasciandoci in solitudine e inappagati.Il libro contiene contributi di Renzo Paris, che parla di Pasolini e del suo "anticonsumismo" , e di Francesco Barbagallo, che fa una analisi storica dei "mala tempora" ; dice Barbagallo: “questo libro appassionato ribalta i luoghi comuni sui rapporti tra paesi avanzati e Popoli Indigeni”.

Nei suoi libri Raffaella Milandri promuove la cultura, l’identità e i diritti umani dei Popoli Indigeni, che vivono ai margini del “Progresso”, ma i cui microcosmi sociali e culturali rappresentanoesempi preziosi di convivenza pacifica ed ecosostenibile. E sottolinea il progressivo indebolimento della società dei consumi, che appare in corsa verso la autodistruzione.

Scrittrice, giornalista, fotografa umanitaria e viaggiatrice in solitaria, Raffaella Milandri è attivista per i diritti umani dei popoli indigeni, membro adottivo della tribù Crow, in Montana, e del popolo dei San, in Botswana. Come viaggiatrice solitaria è stata accolta da tribù nei più remoti angoli di mondo.

Pubblicazioni:  Io e i Pigmei. Cronache di una donna nella Foresta, Polaris, 2011; La mia Tribù. Storie autentiche di Indiani d’America, Polaris, 2013; In India. Cronache per veri viaggiatori, Ponte Sisto, 2014; In Alaska. Il Paese degli Uomini Liberi, Ponte Sisto, 2017; Liberi di non comprare. Un invito alla Rivoluzione, P.S. Edizioni, 2018.

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK