Sisma, il j'accuse di Pallotta: politica e giornalisti ci hanno dimenticati, siamo soli

Il sindaco di Montecilfone lamenta il ritardo con cui è riconosciuto lo stato di emergenza e la scarsa attenzione dei media al problema

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

 

"Il Molise non esiste. Il terremoto non c'è stato. La Regione non dichiara lo stato di emergenza regionale, figuriamoci se lo farà il governo centrale. Sui quotidiani locali il terremoto è relegato alla cronaca locale, figuriamoci sulla stampa nazionale. Tante chiacchiere sarà dura. Poveri noi" . 

E' questo il duro atto di accusa di Franco Pallotta, sindaco di Montecilfone, a 19 giorni dalle scosse sismiche del 14 e 16 agosto. Quando nel suo comune si deve ancora abbattere il serbatoio dell'acqua pericolante, che non permette a tanti che vivono ancora in tenda, di ritornare nelle proprie abitazioni nemmeno se la casa che hanno lasciato è agibile. Nel suo comune è ancora attivo il servizio mensa per chi non può rientrare nelle proprie abitazioni. L'inverno si avvicina e, come ha sostenuto in Consiglio regionale il capogruppo Pd Vittorino Facciolla, in attesa del 7 settembre la Regione Molise con fondi propri poteva dichiarare lo Stato di emergenza regionale. 

Il denaro che poi sarebbe dovuto rientrare con la dichiarazione di emergenza nazionale  che dovrebbe arrivare dal Governo e che prevede in prima battuta l'arrivo di due milioni di euro per coprire anche le spese di chi ha assicurato assistenza, e in seconda battuta anche le altre emergenze coperte con i secondi due milioni di euro. Ma a Pallotta tutto questo non basta e si lamenta anche di come viene trattato sui media il sisma del Molise di grado 5.1.

Del trattamento marginale sulle pagine locali e di quello quasi assente nella stampa nazionale. Chiede che l'attenzione sul fenomeno resti alta altrimenti sarà difficile essere aiutati dal mondo della politica. Attenzione alta quindi anche ricordando quanto è stato detto dal capo della Protezione Civile Angelo Borrelli secondo cui non è escluso che ci possano essere scosse di maggiore intensità. 

 

 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK