Droga, Di Lucente risponde a procura e prefettura: la droga la porta l'accoglienza dei migranti

| Categoria: Attualità
STAMPA

Dopo le numerose adesioni all'appello del procuratore della Repubblica di Campobasso Nicola D'Angelo a combattere il fenomeno della droga arriva la provocazione. E' del consigliere regionale Andrea Di Lucente che risponde con una nota alla conferenza stampa svoltasi martedì scorso nella sede dell'ordine dei giornalisti. 

"Fa male leggere l'appello accorato della procura della Repubblica di Campobasso sulla lotta alla droga. Fa ancora più male perché siamo noi stessi ad aprile le porte agli spacciatori e alla criminalità organizzata, a srotolare loro davanti ai piedi il tappeto rosso e a dire: 'Venite a invadere di droga le strade delle nostre città. Basta aprire un qualsiasi giornale per trovare ogni giorno notizie di cronaca (la maggior parte delle quali legate alla droga) che hanno per protagonisti extracomunitari, spesso nigeriani. E' un'equazione pressoché diretta: arrivano, mettono a tacere i "tradizionali" gestori di droga locali, li rimpiazzano (o si alleano con loro) e iniziano a gestire il traffico di stupefacenti – attacca ancora Di Lucente -. Non possiamo nascondere la testa sotto la sabbia: basta fare un giro per le strade delle nostre città, in particolare di Isernia, per rendersene conto. Eppure subiamo questa situazione senza poter fare nulla.

La prefettura, dopo aver dato le autorizzazioni, cosa fa? Se ne lava le mani? Lascia che le conseguenze le paghi la città, le paghino i cittadini...

...Questo mio intervento solleverà il solito vespaio di polemiche, corredato da accuse di razzismo. In realtà sto dicendo le cose come stanno, senza fare finta che vada tutto bene oppure girando la testa dall'altra parte davanti alla realtà dei fatti. L'attuale gestione dell'accoglienza in provincia di Isernia sta generando fenomeni di forte allarme sociale: non possiamo far finta di nulla sperando che tutto si autorisolva. Alla prefettura chiedo: per quanto vogliamo andare avanti così? Per quanto ancora rilasceranno autorizzazioni a tappeto, senza poi intervenire sulle conseguenze? Senza poi controllare, senza prendere atto che con questa invasione intollerabile per un territorio come il nostro è arrivata anche la criminalità organizzata? Lo chiedo alla prefettura innanzitutto. E chiedo adesso al presidente della Regione, all'assessore al ramo e a tutti i colleghi consiglieri di iniziare a pensare seriamente ad una politica attiva sull'immigrazione. In un mio intervento in consiglio ho proposto l'istituzione di un tavolo di lavoro che operi a stretto contatto con prefetture, questure e comandi dei carabinieri affinché si possa predisporre un piano concertato che cerchi di mettere ordine prima nel sistema dell'accoglienza e, successivamente, possa contribuire al controllo attraverso la collaborazione delle istituzioni e delle forze dell'ordine".

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK