Mondo, le dichiarazioni sessiste di Yann Moix scrittore francese: le 50enni sono invisibili. Bufera sui social

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

 

Si chiama Yann Moix ed è uno scrittore francese. Da un uomo di cultura ci si poteva aspettare molto di più. Ma invece, come quasi tutti i suoi coetanei 50 enni (eccezioni ce ne sono sennò povere noi), soprattutto quelli che prima dei social avrebbero parlato solo al bar davanti a un boccale di birra, dichiara che nel guardare una donna esiste solo e soltanto l'aspetto fisico ed il corpo. 

E, come giustamente si ci poteva aspettare, anche in Italia come nella Francia del dopo metoo, queste dichiarazioni non hanno indispettito soltanto il mondo delle femministe ma soprattutto le 50enni della porta accanto, che di sentirsi finite per qualche ruga, proprio non ne vogliono sapere. Giustamente diremmo noi. 

La confidenza rimbalzata sui giornali di tutto il mondo è stata fatta al giornale Marie Claire. Ecco cosa ha detto lo scrittore di tanto grave,  Ha confidato di «non riuscire ad amare a 50 anni una donna di 50 anni. Troppo vecchia». Perché? Ancora più candido: «un corpo di donna di 25 anni è straordinario. Il corpo di una donna di 50 anni non lo è affatto».  Ha sostenuto che il corpo delle donne a 50 anni è invisibile. 

Su cosa è necessario riflettere? Sulla cultura fallocentrica che ormai è arrivata anche agli strati più alti. La quale permette a un uomo di 50 anni di dire che una sua coetanea è passata di moda e si preferisce avere a che fare con un corpo di una 25 enne. Sottintendendo che a una 25enne debbano per forza piacere gli uomini con  il doppio della sua età. Come se per una donna giovane e bella non sia importante che l'uomo debba essere altrettanto giovane e bello. Qualcuno obietterà: gusti personali. Ma ci si aspetterebbe da un uomo di cultura che, prima di innamorarsi di una donna, riuscisse a guardare anche all'animo di questa persona non soltanto al suo corpo. 

Ma le confidenza di Moix non si fermano qui. Non solo piacciono le giovani, ma le sceglie in Estremo Oriente: "ho storie soltanto con asiatiche, essenzialmente coreane, cinesi, giapponesi. Molti non sarebbero in grado di confessarlo perché è razzista - prosegue Moix - forse è triste e riduttivo per le donne con cui sto, ma il genere asiatico è abbastanza ricco, ampio e infinito da non farmi provare vergogna". 

“ Ma si è guardato bene allo specchio?” il commento più letto tra le italiane. Tra gli altri c’è anche: “Non si preoccupi che alle donne 50enni piacciono quelli più giovani non andremmo mai con lui”. E i commenti non arrivano solo dalle 50enni ma anche da donne under 50 che “mai andrebbero con lui” nonostante sia uno scrittore famoso.

 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK