Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Diminuisce la produzione industriale e siamo a rischio recessione. Di Maio fuori dal mondo: credo che siamo vicini a un boom economico

| di Enzo Carmine Delli Quadri
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

L’Istat comunica dati allarmanti: In Italia la produzione industrialea novembre 2018 è diminuita dell'1,6% rispetto a ottobre e del 2,6% rispetto a novembre 2017. Situazione molto preoccupante con il settore delle auto che, a novembre 2018, registra un calo addirittura del 19,4% su base annuale (il minimo da ottobre 2012). 

Alla luce della nuova flessione dell'indicatore anticipatore, l'Istat stima che l'attuale fase di debolezza del ciclo economico italiano potrebbe proseguire anche nei prossimi mesi perché,  a dicembre, ricorda l'Istituto, il clima di fiducia dei consumatori ha segnato un ulteriore calo e le aspettative per il futuro hanno registrato la diminuzione più sostenuta e le attese sulla disoccupazione sono aumentate. Peggiorata anche la fiducia delle imprese.

A questo aggiungasi che la produzione industrialeingrana la retromarcia nei maggiori Paesi europei, pesando come un macigno sull'andamento dell'economia. 

A fronte di questo quadro preoccupante i nostri governanti reagiscono con frasi stupefacenti di circostanza che, da una parte, fanno credere che la manovra finanziaria italiana, fatta di sussidi e assistenza,  possa essere di aiuto per superare la tempesta annunciata (Conte: è stato importante intervenire con quella manovra economica nel segno della crescita e dello sviluppo sociale), dall’altra, rasentando il ridicolo, scaricano sui governi precedenti la responsabilità di questa recessione.

Poi, bisogna tenersi la testa, se a tutto questo si aggiunge una dichiarazione esilarante di Di Maio abituato alle iperboli  (basti ricordare il suo “abbiamo abolito la povertà) che ha dichiarato: "Credo che un nuovo boom economico possa nascere come negli anni 60, con le autostrade. Ora abbiamo la sfida delle autostrade digitali e questo è il terreno in cui la nostra fantasia si può sbizzarrire". 

Ha ragione qualcuno a dire: sta per piovere e questi non hanno neanche l’ombrello.

Enzo Carmine Delli Quadri

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK