Telenovela Sente Greco vs Matticoli, il consigliere provinciale: dopo la mia denuncia sono corsi ai ripari, i soldi sui conti della Provincia non ci sono

Intanto nella giornata di ieri Prefettura e Provincia hanno stilato il cronoprogramma per le procedure di messa in sicurezza. Il progetto della Provincia, già pronto, potrebbe essere presentato ad Agnone il 22 gennaio.

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Dopo il video in cui il consigliere regionale Andrea Greco chiede le dimissioni immediate del consigliere provinciale con delega alla viabilità Mike Matticoli, è il diretto interessato a dire la sua verità. Per quanto riguarda le dimissioni forse bisogna attendere altri due mesi. Quando a causa del complesso meccanismo delle elezioni di secondo livello, a marzo si ritorna alle urne a Palazzo Berta e lo stesso Matticoli potrebbe non ricandidarsi. Ma veniamo alla ragione di questo continuo stillicidio mediatico: il Ponte Sente e i soldi che ci sono o non ci sono.

Non ho fatto alcun comunicato stampa – ha sostenuto Matticoli contattato da Altomolise.net -  Il merito della questione è che ho detto che la provincia ancora non riceve alcuna concessione dei soldi. Dopo il mio  intervento hanno comunicato questo finanziamento,  sono  quindi corsi al riparo. II comunicato del Mit  è comunque molto generico.  Ma poi un comunicato facebook?  Ma stiamo scherzando?  Io volevo sorvolare sull'attacco che Greco  fatto a Moby Dick proprio per evitare polemiche ulteriori. Devo purtroppo specificare che loro fanno solo comunicazione io lavoro anche. Però ora mi corre l'obbligo di ascoltare e spiegare le cose. Noi non facciamo terrorismo psicologico. Ma voglio spiegare  chi è bugiardo se io o lui. Loro non conoscono le procedure, quando hanno a dire che i soldi saranno disponibili a novembre sul conto corrente della provincia. Ad ora ancora non ci sono ma stiamo scherzando. Il progetto di riqualificazione del Sente è pronto ed è stato già presentato, potremmo iniziare a lavorare da domani mattina”.

 Dalla Prefettura  come spiegato nel comunicato a seguire si apprende " in un incontro cui era presente il Presidente della Provincia di Isernia, Lorenzo Coia, accompagnato dai tecnici dell’Ente e dai progettisti incaricati, è stata presentata la progettazione dell’opera", dalla Provincia il  consigliere Daniele Saia    informa che " Il progetto sarà presentato anche ad Agnone, probabilmente  il 22 gennaio alla presenza del Presidente della Provincia Lorenzo Coia, dei sindaci dell’Alto Molise e dell’Alto Vastese, dei prefetti delle due province coinvolte".

Se ne è parlato nella giornata di ieri, presso il Palazzo di Governo in una riunione presieduta dal Prefetto Guercio, per l’analisi del cronoprogramma degli interventi da effettuare per il ripristino delle condizioni di sicurezza del viadotto “Sente”,  attualmente chiuso al transito a seguito dell’adozione, da parte della Provincia di Isernia, di un’apposita ordinanza interdittiva del traffico, veicolare e pedonale.

 

Nel corso dell’incontro, cui era presente il Presidente della Provincia di Isernia, Lorenzo Coia, accompagnato dai tecnici dell’Ente e dai progettisti incaricati, è stata presentata la progettazione dell’opera, che prevede il ripristino delle condizioni di sicurezza mediante la restituzione di idonee superfici di appoggio delle travi poggianti sulla pila tra la quarta e la quinta campata, interessata da una traslazione che, attualmente, compromette la staticità del viadotto. Alla progettazione seguirà la relativa gara pubblica per l’affidamento dei lavori, all’esito della quale, sarà possibile, presumibilmente entro un anno e mezzo, riaprire il viadotto alla circolazione. I conseguenti, adempimenti saranno posti in essere dalla Provincia di Isernia, quando sarà reso disponibile lo stanziamento di 2 MLN di Euro, previsto nel D.L. nr. 109/2018 all’art. 40 bis e proveniente da un fondo speciale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sufficiente ad eseguire i predetti lavori di adeguamento strutturale.

Per quanto concerne, invece, le attuali condizioni del viadotto, giova precisare, anche in considerazione delle numerose petizioni, pervenute e divulgate anche dagli organi di stampa, che richiedono l’immediata riapertura, che il ponte versa in condizioni statiche estremamente precarie, in particolare negli appoggi sostenuti dalla pila presente tra la quarta e la quinta campata.

La pila a sostegno di tali appoggi ha subito, secondo quanto emerge dalle relazioni tecniche,  una evidente traslazione, quasi sicuramente a seguito di fenomeni franosi che hanno interessato il terreno in sedime. La traslazione ha comportato un analogo movimento anche degli appoggi degli impalcati sulla pila in frana, innescando una rotazione degli impalcati sulle pile adiacenti. Tali rotazioni hanno causato la rottura dei pacchetti di neoprene di appoggio, la rottura di alcuni baggioli e lo spostamento delle travi, creando una situazione di estrema pericolosità, in particolare sull’appoggio della trave esterna. Sono stati evidenziati i seguenti fattori di rischio (tutti conseguenti alla ridotta dimensione residua della superficie di appoggio del viadotto):

  • la probabile formazione di un cuneo di distacco, a causa delle elevate pressioni di contatto, con conseguente perdita dell’appoggio e crollo;
  • gli spostamenti delle pile e del terreno di base possono causare perdite di appoggio e crollo, attesa la significativa altezza delle pile e la lunghezza delle campate, in caso di sisma anche di non levata intensità,;
  • una pur modesta traslazione, in caso di riattivazione dei movimenti franosi, della pila a sostegno della quarta e quinta campata provocherebbe, parimenti, una perdita di appoggio e, quindi, un crollo.

Ne consegue che, stante i sopraelencati fattori di rischio, il viadotto Sente non potrà ritenersi transitabile prima del completamento dei lavori di messa in sicurezza

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK