Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Sovranisti allo sbando culturale

Sovranità è una bella parola ma per esercitarla occorre avere mezzi, mercato e credibilità.

| di Enzo Carmine Delli Quadri
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

I nostri sovranisti sono mortalmente presi dalla nostalgia di una identità nazionale, che peraltro è difficile trovare nei secoli passati, visto che siamo Nazione da poco più di 150 anni e  siamo capaci di intonare l’inno nazionale solo e soltanto in occasione dei Campionati di Calcio.

Ora, al di là dell’aspetto folkloristico delle magliette, al di là della pur comprensibile voglia di sentirsi “italiani”, nonostante le incontestabili differenze tra ogni regione italiana, al di là del desiderio di volersi far rispettare dagli altri paesi europei, al di là della esigenza di essere un po’ orgogliosi di noi stessi,  al di là di tutto ciò, dobbiamo chiederci: ma, noi Italiani siamo certi che la sovranità derivi dalla difesa materiale dei confini e dall’avere un moneta tutta nostra come la vecchia lira?  La risposta è decisamente NO.

Basti ricordare quando l’Italia aveva una sua banca centrale e poteva decidere di  stampare la lira a piacere.  Succedeva molto di frequente che, per avere un minimo di controllo su occupazione e inflazione, fosse costretta a svalutazioni continue della lira. Era sovranità questa? No, era solo una doverosa presa d’atto della propria debolezza traducibile in “scusate tanto, avete ragione, siamo meno forti o siamo più deboli”Altro che sovranità.

Oggi, un’ Italia, agganciata all’euro e all’Europa, decide insieme ad altri 27 paesi delle sorti dell’euro. Ma anche qui, attenzione, è maggiormente sovrano il paese che si presenta davanti al mondo con un debito pubblico accettabile, sostenibile. Chi, come noi, si presenta con un debito pubblico molto alto e continua ad accumularlo, finisce in balia dei mercati.

A supporto di quanto fin qui sostenuto bastino le parole di un uomo la cui credibilità è riconosciuta da tutti, Mario DraghiQuelli che svalutavano non avevano sovranità su occupazione e inflazione….. con la BCE abbiamo ridato credibilità alla moneta europea (che molto spesso sostituisce il dollaro nelle transazioni internazionali). Ma non basta. Occorre anche che le regole di bilancio siano rispettate: In un’area monetaria non si può mantenere la propria sovranità se l’economia diverge in modo continuo,  se il paese è il fanalino di coda nelle riforme economiche, se resta indietro in termini di competitività, se ha un alto debito pubblico.

Sovranità è una bella parola ma per esercitarla occorrono mezzi, mercato  e credibilità

Enzo Carmine Delli Quadri

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK