Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Il ministro leghista Bussetti consiglia agli insegnanti del Sud a impegnarsi di più

| di Enzo Carmine Delli Quadri
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Durante una visita ad Afragola, ieri 8 febbraio 2019, un cronista ha avvicinato il ministro dell’Istruzione Bussetti, leghista, e gli ha posto il problema dei finanziamenti alle scuole del Sud Italia per recuperare il gap tra il Sud, appunto, e il Nord. La risposta del Ministro è stata: “Non ci vogliono fondi, ci vuole il vostro impegno, vi dovete impegnare di più, dovete lavorare di più, questo ci vuole”.

Il ministro, che in seguito ha tentato di deviare e smorzare i toni, ma le immagini lo inchiodano, ha rimesso, in primo piano, i vecchi, usurati, offensivi discorsi della lega contro i fannulloni e mangiapane a tradimento del Sud Italia. È difficile non notare il tono sprezzante utilizzato dal ministro cui si può rispondere come stanno rispondendo molti onesti meridionali: E' inaccettabile che un ministro della Repubblica italiana sostenga che  esiste una parte d’Italia che non produce, che tira a campare, che predilige l’assistenzialismo e che, in definitiva, è popolata da fannulloni attaccati alla mammella dello Stato. Non è accettabile che esistano forme di pregiudizio così semplicistiche che puzzano di becera discriminazione ai danni dei “terroni”, dei meridionali furbi e spregiudicati. 

Questo signor ministro, che insieme ai suoi colleghi sa solo prendersela con gli emigranti o i francesi, mentre l’economia va in recessione, la produzione industriale regredisce, lo spread sale e mette a rischio tutti i nostri risparmi, piuttosto che studiare un sistema perché il Sud non faccia la fine della Slovacchia, abbandonata dalla Repubblica Ceca, piuttosto che evitare, quindi che l’Italia si spacchi in due, trova il tempo e il modo di prendersela con onesti lavoratori meridionali cui chiede di impegnarsi di più. Forse che chi ha un lavoro non lo svolge onestamente? Forse dovrebbe impegnarsi chi il lavoro non ce l’ha? E come? Siamo in attesa di sapere come dovrebbe svolgersi questo maggior impegno se di lavoro, al sud, non ce n'è:

 

 

Enzo Carmine Delli Quadri

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK