Salvini a Campobasso: non guardo i telegiornali preferisco Peppa Pig insieme a mia figlia

Sulla candidata Maria Domenica D'Alessandro: è candidata non perché donna ma brava. Frecciata ad Aida Romagnuolo e Mena Calenda: siamo una squadra no ai personalismi

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Matteo Salvini arriva a Campobasso con la felpa ritraente il nome della città e incontra i leghisti del capoluogo di regione e Termoli. Giunge all'Hotel Centrum Palace e molto più furbamente di quanto ha fatto il suo collega di governo Luigi Di Maio la settimana scorsa, rilascia dichiarazioni a tutta la stampa. Si parla della tenuta del contratto con il Movimento Cinque Stelle e sostiene di aver dovuto attuare la tattica di chi non sente tutto quello che viene detto. 

Salvini parla di decreto sicurezza e di quelli che secondo lui sarebbero i vantaggi che ne derivano. Uno su tutti che le squadre di calcio pagheranno di tasca loro quello che ci vuole per evitare incidenti nel campo e fuori dal campo. Nel decreto sicurezza c'è anche il voler rendere illegale la vendita di cannabis nei piccoli negozi. E ci ricordiamo di quando disse: no alla droga e sì alla prostituzione. Anche a Campobasso gli abbiamo chiesto di ripetere il concetto e ha ribadito: perchè la droga è un male e la prostituzione è fare l'amore. Con la naturalezza di chi paragona il comprare sesso a un atto d'amore. 

Ma quella dell'apertura ai giornalisti era solo un'operazione di facciata, perchè una volta entrato sul palco del Centrum Palace ha sostenuto che lui ormai non guarda più la televisione e i telegiornali. Perché non approfondiscono nulla e non parlano dei veri problemi della gente. "Quando guardo la tv- ha sostenuto davanti a una folla selezionata e urlante che di sicuro in una piazza si sarebbe dispersa- preferisco guardare i cartoni animati con mia figlia, Meglio Peppa Pig dei tg". Tornando all'intervista rilasciata ai giornalisti ha poi risposto alle domande di un collega che gli ha ricordato della querelle con le consigliere Aida Romagnuolo e Filomena Calenda. Su questo ha sostenuto: " siamo una squadra, non ci piace chi agisce solo per i suoi interessi personali". 

E nel presentare la candidata sindaca Maria Domenica D'Alessandro presente sul palco insieme all'assessore Luigi Mazzuto,  dice un'altra cosa che dimostra il suo non femminismo al pari della dichiarazione sulla prostituzione. "Non mi interessa sindaco o sindaco donna - ha sostenuto - lei non è qui in quanto donna ma perché è brava". Ma chissà perché poi quando si tratta di riconoscere qualcosa alle donne non lo fa mai veramente. Nell'intervento ascoltabile qui,  la candidata sindaca Maria Domenica D'Alessandro aveva però rimproverato gli altri partiti e le altre liste di non pensare alle donne, alle famiglie e agli asili nido, Per poi attaccare l'amministrazione uscente per un concorso alla Sea uscito in questi giorni e poi per l'asfalto delle strade di recente fattura. Il centrosinistra ha fallito per Matteo Salvini visto che parla di antifascismo e non di ciò che ha fatto, e il Movimento Cinque Stelle non ha saputo utilizzare la filiera di Governo per rendersi alternativa credibile. 

Matteo Salvini torna in platea su argomenti triti e ritriti da parte della Lega. Il primo è relativo alle tradizioni e ai crocifissi. E poi torna anche sulla questione delle coppie lgbt e sull'utero in affitto. "E' un abominio - dice Salvini facendo il femminista ad intermittenza- che il corpo di una donna venga utilizzato come una macchina da riproduzione. A noi non interessano i gusti sessuali delle persone. Ci interessa che un bambino chiami i suoi genitori mamma e papà". 

I temi di Salvini sono stati toccati a uno a uno con la compiacenza della folla che batteva le mani. Il ministro ha chiesto ai campobassani di andare a votare e votare Lega. "Oggi a 40 anni le persone non hanno ancora una famiglia perchè sono sempre precari - ha sostenuto Salvini- per questo non pensano a diventare genitori". E sugli striscioni di Campobasso commenta: "prima o poi istituirò un concorso per il più bello e colorato". Prima dell'arrivo di Salvini davanti al Centrum palace la protesta dei forconi con Orlando Iannotti e Giuseppe del Giudice. Ecco il video 

 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK