Muore di dolore il giovanissimo tunisino che perse moglie e figlio nell’attentato di Nizza

Tahar Mejri, tunisino 42 anni, on ha retto al senso di vuoto infinito apertosi davanti a lui dopo morte di moglie e figlio

| di Enzo Carmine Delli Quadri
| Categoria: Attualità
STAMPA

Aveva visto morire l’ex consorte Olfa travolta dal camion; con lei il figlioletto di 4 anni. Un autocarro omicida, guidato da un jihadista, precisamente il  14 luglio 2016, aveva investito volontariamente la folla che seguiva i fuochi d’artificio sulla Promenade des Anglais di Nizza, uccidendo 86 persone. Tra queste, appunto, Olfa e il figlioletto.
Tahar Mejri, tunisino 42 anni, non ha retto al dolore e, dopo circa tre anni di sofferenze patite,  è morto. Assicurano che non fosse malato e che mai avesse dimostrato istinti omicidi.
Dicono che abbia vissuto con indosso sempre e comunque la maglietta che riproduce il viso del suo bambino. Ora lo riporteranno in patria e lo seppelliranno vicino alle tombe della moglie e del figlio. 
Lo hanno ucciso i ricordi, le sofferenze , la depressione e l’immenso senso di vuoto di fronte al futuro così malvagiamente distrutto in pochi secondi.
 

 

Enzo Carmine Delli Quadri

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK