Sinisa Mihajlovic lotta con la leucemia

Un calciatore oggi allenatore nel pieno della sua vita umana e professionale affronta una lotta micidiale

| di Enzo Carmine Delli Quadri
| Categoria: Attualità
STAMPA

Lo conoscevamo, noi che seguiamo il calcio, come un personaggio forte, duro, tenace, muscoloso, sano, onesto, deciso. La sorte ha bussato alla sua porta, all’improvviso: leucemia. E lui non è perso d’animo, come nel suo carattere. Lo dimostrano queste sue parole, dettate alla stampa, seppur visibilmente commosso:
Ho fatto degli esami e sono state scoperte alcune anomalie che non c’erano 4 mesi fa. Abbiamo detto che avevo la febbre, ho fatto ulteriori esami: ho la leucemia. Voglio essere chiaro: le analisi hanno detto che c’è qualcosa di irregolare. È leucemia: quando me l’hanno detto è stata una bella botta, sono stato due giorni in camera a piangere. Io non gioco mai per non perdere, sennò perdo: così nel calcio, così nella vita. Batterò la leucemia, e lo farò per mia moglie, per la mia famiglia, per chi mi vuole bene. E’ una forma attaccabile, si può guarire e io la batterò. Ma ho bisogno dell’aiuto di tutti quelli che mi vogliono bene. Nessuno deve pensare di essere indistruttibile e invincibile, perché poi quando succede è una botta tremenda. L’unica speranza è anticipare, per scoprire prima il problema. Nella mia vita nessuno mi ha regalato nulla, ma sono sicuro di uscire un uomo migliore da questa situazione”, 

Enzo Carmine Delli Quadri

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK