Depressione, il parere degli esperti: colpisce più le donne che gli uomini e non basta la forza di volontà per sconfiggerla

| Categoria: Attualità
STAMPA

"Tra 20 anni sarà più diffusa di cancro e Aids, oggi è la seconda malattia causa di disabilità e morte dopo le malattie cardiovascolari. La depressione troppo spesso viene sottovalutata, invece deve essere trattata al pari di qualunque altra patologia: colpisce di più le donne e per superarla non basta la forza di volontà". Lo afferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, Presidente Eurodap Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico, in vista della Giornata europea sulla depressione 2019 che si celebra il 19 ottobre. Nel nostro paese, secondo le ultime stime, soffrono di depressione più di 3 milioni di persone e, di questi, più della metà è rappresentata dal sesso femminile. La depressione è un disturbo psichico caratterizzato da un bassissimo tono dell'umore che si protrae per la maggior parte della giornata, al di là degli eventi esterni.

"Questo stato di tristezza perenne è accompagnato da malumore, pensieri negativi verso se stessi, gli altri e il futuro. Il Black dog, come lo hanno imparato a chiamare gli americani, è un cane nero che ti fa sempre compagnia, che ti succhia l'energia vitale impedendoti di vivere a pieno la vita come un tempo - afferma l'esperta -. Chiedere aiuto, per chi ne soffre, può essere molto difficile in quanto si crede che nessuno possa comprendere la propria condizione e quando lo si riesce a fare difficilmente si ricevono le cure adeguate. Ciò non toglie che bisogna sempre consultare un esperto in caso di sospetta depressione e iniziare immediatamente una cura prima che questa si cronicizzi".

Per continuare a leggere cliccare qui

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK