Campobasso, il Comune non ha ancora insediato la consulta per le pari opportunità: il Pd chiede al sindaco di farlo subito

| di Redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il Pd e sinistra per Campobasso hanno presentato una mozione al sindaco per il riavvio del discorso pari opportunità a Campobasso. La prima firmataria del provvedimento è l’ex assessora Alessandra Salvatore oggi consigliera di opposizione. Hanno aderito tutti gli altri consiglieri e consigliere

Lo ha fatto perché l’Amministrazione Comunale precedente ha approvato, con Delibera di Consiglio Comunale n. 16 del 15 maggio 2017, lo Statuto e il Regolamento della Consulta Femminile e delle Pari Opportunità del Comune di Campobasso.

Si decise che  la Consulta Comunale Femminile e delle Pari Opportunità è un organismo consultivo e propositivo, che si occupa della condizione femminile per l’effettiva attuazione dei principi di eguaglianza sanciti dalla Carta Costituzionale;  in ossequio alle finalità statutarie, la Consulta, divenuta operativa nei primi mesi dell’anno 2018, ha svolto nel capoluogo un importante ruolo di impulso e di coordinamento per la realizzazione di iniziative volte a promuovere la cultura delle pari opportunità e la partecipazione attiva delle donne alla vita pubblica e politica; la Consulta, in sinergia con l’Amministrazione Comunale, di cui è articolazione, e con tutte le Istituzioni del territorio, ha messo in atto attività finalizzate al contrasto della violenza di genere, in ogni sua forma, ed alla lotta ad ogni forma di discriminazione.

Oggi con l’insediamento della nuova Amministrazione la Consulta deve essere ricostituita, previa pubblicazione di un Avviso che consenta a tutte le Associazioni, agli Ordini Professionali, alle Organizzazioni Sindacali ed alle Istituzioni presenti sul territorio, che si riconoscono nelle finalità espresse nello Statuto, di aderire con una propria rappresentante.

Il mese di novembre, dedicato ad iniziative di promozione delle Pari Opportunità e di contrasto alla violenza e alle discriminazioni, è alle porte e la Consulta Femminile, punto di riferimento organizzativo e di confronto, potrebbe non essere in condizioni (se non ricostituita in tempi brevi) di dare il proprio contributo.

Premettendo tutto questo il Pd impegna il Sindaco e la Giunta affinché emanino, in tempi stretti, il nuovo Avviso per l’adesione delle associazioni, degli Ordini e, in generale, di tutti gli enti interessati ad aderire alla Consulta Femminile e delle Pari Opportunità della Città di Campobasso e che la stessa possa quanto prima insediarsi e riprendere la proficua attività di promozione della cultura delle pari opportunità e di lotta ad ogni forma di discriminazione e/o violenza, per cui si è caratterizzata circa un anno e mezzo di vita.

 

 

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK