Aveva già ammazzato a Bergamo una 21enne originaria di Campobasso, il femminicida Mohammed Safi ci riprova a Torino: sgozzata la nuova compagna 44enne

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Era originaria di Campobasso  ma viveva da anni a Pradalonga, un piccolo centro in provincia di Bergamo, con la madre e la sorella la 21enne Alessandra Mainolfi, uccisa il 9 giugno 2008 da Mohamed Safi. L'uomo era stato condannato a 12 anni di carcere ma stava usufruendo di permessi premio. L'uomo nel frattempo aveva stretto un'altra relazione. 

Ma nella scorsa notte la 44 enne di Torino che si era legata a lui è stata sgozzata. Un femminicida recidivo Mohammed che ha tentato di uccidere ancora proprio quando la sua seconda vittima, in realtà sopravvissuta per miracolo, aveva scoperto i precedenti del suo compagno, che era ben decisa a lasciare. 

L'uomo ha colpito con una bottiglia di vetro la compagna,  condannato a 12 anni, e detenuto alle Vallette, usufruiva di un permesso per lavorare in un bistrot. Doveva rientrare in cella alle 2.

I due si erano visti nella quartiere Barriera di Milano ed erano saliti sul un tram della linea 4 per andare a casa della donna. Scesi dal tram, l'uomo l'ha gettata a terra e si è avventato su di lei con una bottiglia di vetro, cercando di sgozzarla davanti ai passanti, che han chiesto aiuto. L'uomo ha cercato di scappare, ma è stato fermato in via Leini dalla polizia.

Nel confessare l'omicidio di Alessandra Mainolfi disse: «Ho perso la testa, non volevo ucciderla – aveva detto in carcere il ventiseienne -. Non so cosa mi è preso: abbiamo iniziato a discutere, poi non mi ricordo più cosa è successo. So solo che mi sono trovato improvvisamente con un coltello insanguinato in mano; a terra c’era Alessandra ferita».

Dopo undici anni ha colpito ancora e non ci sono giustificazioni di sorta da attribuirgli ora come allora. 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK