Monotematico sulle procedure concorsuali, la maggioranza inesistente: tutto si regge su una approssimazione per difetto di 0,2

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

La maggioranza in consiglio regionale è un puro atto formale. Nella prima parte del consiglio regionale monotematico, come mostrato in diretta sulla pagina Facebook di altomolise.net, le minoranze di PD e Movimento Cinque Stelle, hanno provato a inserire nel dibattito 7 mozioni. Di cui 6 del PD e una del Movimento Cinque Stelle. Non discusse nella precedente seduta perché rinviate a questa monotematica sul lavoro. Tutte e 7 le mozioni sono state respinte perché per ammetterle ci volevano i 2/3 dell' assemblea. 
Ma cosa accade? Che tre consiglieri di maggioranza votano sistematicamente con la minoranza. Si tratta delle ex leghiste Calenda e Romagnuolo e del presidente Iorio. In due casi anche Di Lucente ha votato sì. E cosi le minoranze hanno ottenuto o un risultato di 11- 8. In due casi un 12-7. Sarebbe bastato un voto in più per dichiarare dissolta la maggioranza Toma. Che si regge su una approssimazione per difetto dello 0,2. Maggioranza basata sul qualificato. Perché se solo fosse bastata una maggioranza semplice Toma sarebbe andato sotto. 
Ora si discuterà di un unico punto monotematico che racchiuderá tutti i temi legati ai concorsi pubblici e alla stabilizzazione dei precari. La discussione riprende alle 15.30.

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK