Controlli ambientali e del paesaggio: due allevatori denunciati e un tartufaio multato in provincia di Isernia

| Categoria: Attualità
STAMPA

A Sant’Angelo del Pesco un allevatore è stato denunciato perché depositava ingenti quantità di letame sul terreno vegetale privo di qualsiasi isolamento, esponendo a inquinamento da nitrati il suolo e la falda acquifera sottostante. L’operazione è stata eseguita dai carabinieri Forestali per la tutela del ricco patrimonio ambientale e per il contrasto agli illeciti in danno al patrimonio faunistico e floristico della provincia di Isernia.

A Montenero Valcocchiara, invece, un secondo allevatore è stato denunciato dai carabinieri forestali per aver realizzato abusivamente all’interno dell’area protetta “Pantano Zittola – Feudo Valcocchiara”, zona speciale di conservazione della Rete Natura 2000, una struttura edile per il ricovero degli animali d’allevamento, in assenza delle autorizzazioni amministrative necessarie, quali autorizzazione paesaggistica e la comunicazione di inizio lavori al comune.

Un tartufaio della provincia di Latina dovrà pagare una sanzione pecuniaria salatissima, di quasi millesettecento euro, perché è stato sorpreso dai militari a Castel San Vincenzo, nei pressi del lago, mentre era intento a cercare tartufo bianco con tre cani al seguito, quando la norma ne prevede al massimo due.

 

Tra i controlli salienti, che hanno consentito di individuare illeciti penali, si segnalano quelli effettuati dalle Stazioni carabinieri forestali di Pescopennataro e di Forlì del Sannio. Nei prossimi giorni i controlli dei carabinieri forestali proseguiranno e consentiranno di prevenire e reprimere illeciti che comportano danni, talvolta irreversibili, alle varie componenti ambientali e al paesaggio.

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK