L'Orchestra torna a casa con un conto di 10000 euro da pagare

| di Antonio Cilli
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

L'Orchestra Musica in Crescendo sta tornando finalmente a casa dopo un capodanno di permanenza forzata a Capracotta. Le condizioni meteo e l'enorme quantità di neve hanno trattenuto i ragazzi e i responsabili dell'orchestra lontano dalle loro famiglie mandando all'aria il concerto sansalvese e tutti i loro piani del veglione di San Silvestro. Una avventura di cui ha parlato anche la stampa e la televisione nazionale che si conclude positivamente con il rientro ma non senza una vera e propria beffa finale.

Udite udite l'albergo decide di applicre la tariffa di 95 euro per il 31 per ogni ragazzo ospitato. A parlare è Licia Zulli che definisce "Inqualificabile la decisione dell'Hotel Capracotta di applicare la tariffa di 95 euro per il 31 per ogni ragazzo ospitato in questo giorno di permanenza forzata causa neve, in stanze da 4 e senza cambio di biancheria..nonostante i membri del direttivo abbiano proposto di mantenere invariata la tariffa a 27,50 come concordato inizialmente per i giorni di permanenza previsti, la proprietà di Molise Vacanze Spa non ha voluto sentire ragioni...l'Orchestra ha anche intrattenuto con uno 'splendido concerto' (come definito dagli stessi referenti dell'Hotel) gli ospiti dell'hotel Capracotta..."

Che dire...  possiamo solo offrire la nostra solidarietà alla Associazione di musicisti e mettere a disposizione il nostro giornale per una raccolta fondi oltrechè permetterci di notare che questo non è certo il modo per fare del turismo una risorsa. Ma questa è solo un'opinione.

 

Antonio Cilli

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK