Piano casa: la normativa spinge verso il recupero

Previsti bonus per delocalizzazione e riqualificazione energetica

| di Danilo Di Laudo
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Approvata dalla Commissione Assetto del territorio la proposta di legge per la modifica del Piano Casa in Molise (LR 30/2009), risalente al 18/06/2013. I cardini del decreto puntano al recupero di buona parte del patrimonio edilizio già esistente e, al contempo, al rilancio dell'intero settore edile. E' lo stesso presidente della commissione, Salvatore Ciocca, a confermare queste intenzioni affermando che, seguendo una tale linea di pensiero si cercherà, oltre che a tutelare quanto possibile, di evitare nuove urbanizzazioni.

Pertanto sono previste delle agevolazioni economiche per tutti i proprietari di immobili in zone sottoposte a rischio frane. Tali sussidi permetteranno dunque, di demolire i vecchi fabbricati per poterli ricostruire in zone ritenute più sicure.

Inoltre sono state già messe 'in conto' ulteriori agevolazioni che hanno come oggetto il miglioramento energetico dell'immobile e soprattutto la messa in sicurezza rispetto ad eventuali eventi sismici.

Tutte le previsioni ed i bonus saranno disponibili solo per chi avrà concluso i lavori di restauro o costruzione entro il 31 maggio 2014, per questo motivo, ha speigato sempre Ciocca, il piano può definirsi una misura straordinaria. Tuttavia questa novità è stata sì approvata dalla Commissione Assetto del territorio, che vede in queste operazioni delle possibilità concrete per rilanciare il settore, ciononostante, per divenire operativa in toto, dovrà essere approvata anche dal consiglio Regionale.



 

Danilo Di Laudo

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK