Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

FNS CISL e politica in difesa del Corpo Forestale dello Stato

| di FNS CISL
| Categoria: Comunicati Stampa | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
printpreview

Come Fns Cisl, Federazione Nazionale Sicurezza della Cisl, apprezziamo e sosteniamo l’iniziativa presa dall’On. Giulio Sottanelli in difesa del Corpo Forestale dello Stato che rischia lo smantellamento a causa di scomposte iniziative del governo, mosse in nome di una confusionaria riorganizzazione delle forze di polizia nel paese” - questo afferma in una nota Corrado Clementoni Coordinatore Nazionale della FNS Cisl con delega alle regioni Abruzzo e Molise, intervenuto all’Appello comune in difesa del Corpo
Forestale,
l'Abruzzo, Regione Verde d'Europa, unito per la tutela dell'ambiente e della legalità, fortemente voluto dal parlamentare abruzzese On. Giulio Sottanelli.

All’evento tenutosi questa mattina a Pescara nella splendida cornice della sala dei marmi della provincia, oltre al deputato organizzatore hanno aderito numerose autorità politiche nazionali e regionali tra cui il Presidente della regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, gli Onorevoli Gianni Melilla e Paolo Tancredi, gli Assessori regionali Dino Pepe e Mario Mazzocca, il presidente della Commissione Agricoltura e consigliere regionale Lorenzo Berardinetti ed ben oltre 50 sindaci provenienti dai comuni regionali dislocati sui quattro territori provinciali. Presenti in sala anche massimi esponenti del Corpo Forestale tra cui il Comandante Regionale dell’Abruzzo Ing. Ciro Lungo ed il Comandante generale della scuola del CFS Umberto D’Autilia

Nel suo intervento Clementoni si è rivolto principalmente alla politica: “E’ necessario salvaguardare le funzioni di tutela dell’ambiente e dell’agroalimentare che vanno garantite ai cittadini e che risultano al contempo necessarie allo sviluppo economico del Paese. Tematiche importanti come il Made in Italy, la tutela dei parchi e delle riserve naturali ed il contrasto di fenomeni criminosi come quelli della terra dei fuochi devono a nostro avviso essere assicurate attraverso l’impiego di un corpo di polizia specializzato quale è oggi il Corpo Forestale dello Stato. Noi non siamo contrari ad una riorganizzazione dei corpi di Polizia – continua il segretario della Cisl – ma ciò va fatto con un’attenta e ragionata ristrutturazione complessiva delle forze dell’ordine che superi le duplicazioni di funzioni e le sovrapposizioni di competenze. Siamo contrari a manovre semplicistiche che porterebbero solo ad una dispersione di competenze e professionalità che il Corpo Forestale mette a disposizione come servizio reso ai cittadini”.

"Ecco perché confidiamo nella ragionevolezza della politica - conclude Clementoni - ed auspichiamo che si orienti ad effettuare le giuste scelte volte a tutelare delle bellezze naturali del nostro paese".

FNS CISL

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK