Presentata in Senato, “Prodotto topico 2018”, quinta edizione dell’esposizione e degustazione agroalimentare con 50 prodotti di 45 località tra Abruzzo, Molise, Sicilia e Paesi del Mediterraneo

L’evento è in programma domenica 15 luglio, dalle ore 19,00, nella Villa Comunale e nel centro storico di San Salvo (Chieti).

| di Redazione
| Categoria: Gusto
STAMPA

SAN SALVO – Presentata in Senato, nella sala “Caduti di Nassirya”, “Prodotto topico 2018”, quinta edizione dell’esposizione e degustazione agroalimentare con 50 prodotti di 45 località tra Abruzzo, Molise, Sicilia e Paesi del Mediterraneo.

L’evento è in programma domenica 15 luglio, dalle ore 19,00, nella Villa Comunale e nel centro storico di San Salvo (Chieti).

La presentazione in Senato, nata su iniziativa del portavoce Movimento cinque stelle Gianluca Castaldi, è iniziata con un discorso di saluto del senatore vastese.

“Conservare le tradizioni enogastronomiche – ha detto Castaldi – vuol dire avere cura dell’identità di una comunità, di un paese, di un’intera regione. Non a caso, “Made in Italy” è sinonimo ricchezza e, nello stesso tempo, di varietà: una delle tante ragioni per cui deve entrare a pieno titolo nelle politiche settoriali della nostra economia”.

Castaldi, capogruppo M5S in Commissione Industria, Commercio e turismo, ha sottolineato l’importanza e la bontà dei prodotti alimentari del territorio abruzzese: “Chi non conosce, tanto per fare un esempio, gli arrosticini, la ventricina vastese, ‘U Sprusciat di Pizzoferrato’, la ‘Nnuje teramane’? E se qualcuno di voi non ne ha mai sentito parlare, vi invito a visitare i nostri incantevoli borghi, provando con mano!”.

Il pentastellato Castaldi ha inoltre evidenziato le criticità da risolvere, in relazione alla difesa della genuinità del Made in Italy: “Tra gli obiettivi che perseguiremo con tenacia per i prossimi 5 anni ci sarà anche quello di sensibilizzare in maniera capillare l’opinione pubblica, le imprese e le Istituzioni sul tema della contraffazione e dell’italian sounding, con la finalità di estirpare per sempre questi fenomeni. Ed in questo, la grande distribuzione ed i colossi che operano nell’ambito dovranno darci una mano. Si tratta, infatti, di due grandi piaghe che hanno effetti disastrosi nel settore primario e nell’industria alimentare italiana, con un danno che si aggira intorno ai 60 miliardi all’anno. È nostra intenzione dare nuova linfa al comparto attraverso la difesa dei prodotti italiani dalla minaccia di trattati internazionali, troppo spesso penalizzanti per le nostre imprese, e anche mediante la protezione dei nostri mercati da un’importazione non adeguatamente regolamentata che, purtroppo, non fa altro che renderci dei partner deboli sulle piattaforme internazionali”.

L’incontro è stato moderato dal giornalista e sociologo Orazio Di Stefano.

Alla presentazione hanno partecipato il prof. Nico Bortoletto dell’Università di Teramo, con un intervento intitolato “L’identità dei luoghi, il prof. Ernano Marcovecchio, sindaco di Tufillo, Renato Sparacino, sindaco di Scapoli.

Ospiti speciali della conferenza, sono stati presenti il senatore Nicola Morra ed il sottosegretario allo Sviluppo economico Andrea Cioffi.

Fonte http://www.virtuquotidiane.it/cronaca/a-prodotto-topico-cinquanta-specialita-da-abruzzo-molise-sicilia-e-paesi-del-mediterran

Redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK