Manca il materiale, fermo turno alla Sevel di Atessa, lo spauracchio della cassa integrazione

| di Maria Carosella
| Categoria: Sport
STAMPA

"Abbiamo ricevuto da parte del personale Sevel la comunicazione del senza lavoro sul primo turno, turno centrale e secondo turno di domani 11  ottobre. La motivazione è legato allo stabilimento FCA di Cassino  per mancanza materiale"   Con questa comunicazione il delegato Uilm della  Sevel stabilimento di Atessa, Emanuele Cimone, comunicava ieri 11 Ottobre, il fermo della produzione su alcuni turni di lavoro. Ma il fermo  continua ed è lo stesso Cimone che lo conferma e dichiara: "L'azienda oggi ha confermato il fermo produttivo del terzo turno di  questa notte e del primo e secondo turno di domani e l'annullamento  di domenica 13 ottobre. Nella giornata di domani mattina l'azienda  ci aggiornerà sui sviluppi dei prossimi giorni."​

 I fatti sono collegati al tragico incidente sul lavoro  avvenuto  nello stabilimento Fca di Piedimonte San Germano, in provincia di Frosinone. La vittima fu Fabrizio Greco, operaio di Pontecorvo, sposato e padre di due bambine, che avrebbe compiuto 40 anni  dopo pochi giorni dall'accaduto.L’incidente avvenne nel reparto presse. A seguito del gravissimo incidente la Procura di Cassino ha aperto un fascicolo per omicidio colposo in relazione alle morte dell’operaio  e chiuso lo stabilimento che forniva materiale alla Sevel di Atessa. Se il fermo dovesse persistere per gli operai si paventa la cassa integrazione

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK