SI SENTE ITALIANO MA CI HA FATTO PIANGERE, RIVELINO SI CONFESSA

Il campione del mondo con la maglia del Brasile torna nel suo Molise. Spalla di Pelè parla del calcio a 360°

| di Maurizio d'Ottavio
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview
AGNONE - La Patada atomica (scossa atomica), alias Roberto Rivelino da S. Paolo del Brasile riscopre, a 64 anni, le sue origini molisane. Il centrocampista che fu spalla di Pele' nel vittorioso mondiale di Mexico '70 e' tornato in Italia, su invito della provincia di Isernia, per visitare Macchiagodena, il paese da dove emigrarono nel dopoguerra i suoi genitori. "Ogni giorno che passa - confess l'ospite del teatro Italo Argentino di Agnone - mi sento sempre piu' vicino a questa terra. In Italia sono stato altre due volte, ma mai nelle regione dove sono nati mamma e papa'". L'inventore del Flip Flap o "Elastico", il caratteristico movimento con cui accompagnava i dribbling, terrore dei portieri per le micidiali punizioni anche da trenta metri, esalta la nazionale carioca e "O rey" che sconfisse in finale gli azzurri di Valcareggi. "Eravamo un dream team", osserva. Ora Rivelino gestisce tre scuole calcio. Circa 800 bambini "strappati alle tentazioni della strada e che bisogna far diventare uomini, prima ancora che dei calciatori". Roberto Rivelino e' attaccato al calcio di 40 anni fa: pochi soldi e tanto sacrificio. "Non voglio allevare campioni - ripete -, ma giovani. L'aspetto tecnico e' un dono naturale, che non si puo' insegnare. Io ho un sogno: far crescere le giovani generazioni con gli ideali di un tempo". Per questo, a chi gli chiede del doping nello sport, si agita e risponde: "E' una schifezza e una vergona. Una macchia che offusca i veri valori dello sport, che non dovrebbe mai esistere anche se, purtroppo, esistono tante droghe che riescono a essere mascherate. Ma chi le usa non merita di scendere su un rettangolo di gioco". E sul Brasile campione del mondo 2010, aggiunge caustico: "Quello dei mondiali in Sud Africa e' il peggiore della storia: senza qualita'. Una delusione".

Maurizio d'Ottavio

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK