Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Agnone-La due giorni del libro. Il commento del Prof Francesco Paolo Tanzj: I giovani e la letteratura salveranno Agnone?

Condividi su:
Maria Carosella

L’appuntamento era nel rione Maiella, ad Agnone, "La due giorni del libro" . L'evento organizzato dal Centro Studi Alto Molise si è svolto nei giorni 9-10 agosto in collaborazione con l’associazione ‘la Repubblica di Maiella‘ e il patrocinio del Comune di Agnone e della testata giornalistica l’Eco de l’Alto Molise, a presentare l’iniziativa Bruno Cerimele il poliedrico agnonese, Bruno Cerimele

Ad aprire la due giorni e' stato lo scrittore romano Marco Di Tillo che ha presentato  il suo noir ‘Come lupi sulla neve. Un nuovo caso per l’ispettore Canepa‘, ambientato interamente nella cittadina altomolisana. Ad introdurre il romanzo giallo di Di Tillo, Ida Cimmino.

A seguire è stata la volta del saggio di Daniele Altina ‘La guerra allo specchio‘. A dialogare con l’autore, Angelo Colavecchio, promotore culturale e Cristian Di Pietro, presidente del Centro Studi Alto Molise. La prima giornata si è chiusa con Daniele Lombardi e il suo saggio-inchiesta ‘Profughi. Dai campi agricoli della Libia ai campi di accoglienza in Italia’.Ha moderato il professor Sergio Sammartino, già collaboratore de l’Avanti nonché docente presso il liceo Classico Mario Pagano di Campobasso.

A distanza di 24 ore – martedì 10 agosto -, il giornalista de l’Eco Alto Molise – Vastese, Italo Marinelli ha introdotto  la silloge poetica di Giorgio Paglione ‘Lo sterno d’Italia’. Per il Centro Studi Alto Molise, è intervenuto Fabrizio Meo.

Guarda l'intervista al poeta Giorgio Paglione in diretta https://fb.watch/7jNKYgY02a/  

Infine, molta  era l'attesa per l’antologia ‘Giovani scrittori cresciuti…per Laura‘, a cura di Razvan BotusanCristian Di PietroGiovanni GiaccioGuido MarinelliFabrizio Meo. L’antologia è il proseguimento di ‘Giovani scrittori crescono’, presentata dal Csam alcuni anni fa, dove tra gli autori di allora c’era Laura Carosella, giovane promessa della poesia e del giornalismo, scomparsa prematuramente ricordata con parole commuoventi  da Ida Cimmino e Silvana poccioni

“La nuova antologia – hanno  spiegano gli autori -, è un omaggio a lei dedicato dai giovani scrittori di allora, suoi compagni di viaggio, ormai cresciuti”.  Sono intervenuti Silvana Poccioni Francesco Paolo Tanzj, ex insegnanti e mentori di alcuni di loro.

Di seguito il commento alla all’antologia ‘Giovani scrittori cresciuti…per Laura‘,  del prof Francesco Paolo Tanzj :

"Pare proprio che siano veramente cresciuti, quelli che “Giovani scrittori crescono”, evento bello e indimenticabile – ma non irripetibile che nel lontano 26 agosto 2011 vide tre dei protagonisti della serata,  insieme alla nostra amata e mai dimenticata Laura Carosella con la presentazione performance di Fabio Mastropietro e Valentino Campo, che furono invitati dal CSAM a parlare di sé e dei loro sogni letterari.

Sono passati giusto 10 anni… e sono proprio cresciuti!

Oggi invece si sono aggiunti a loro Giovanni Giaccio (che tutti conoscono …) e Rezvan Andrei Botusan, inaspettata rivelazione… giovane medico innamorato di Agnone …

Ma andiamo in ordine, scorrendo le pagine di questa antologia ancora senza titolo … (che purtroppo per motivi tecnici non è ancora stata stampata, ma che nei prossimi giorni sarà disponibile presso le librerie di Agnone) vediamo assonanze e circolarità creativa che uniscono i giovani autori …

  1. R.A. Botusan: col racconto Enfant (il bambino, la nonna, gli esseri strani, l’amore che sboccia…) e 6 poesie…
  2. Cristian Di Pietro (Edge Christian Leon): con Ersto… Ultima parte della trilogia ambientata ad Ainwell Park e nel maledetto quartiere di Contraband… (l’Hide, Edge, Velvet, Ersto, Heath e Sanny…)
  3. Giovanni Giaccio: con il suo racconto autobiografico Biblioteca Giorgio Petrocchi. Posto 101
  4. Fabrizio Meo: con la sua raccolta poetica Fiaba da asceta

5)Guido Marinelli (San Sebastian o Guittone Esteban Schwarz?): con cinque racconti: Devil is fine, (Padre Connor, la signora May, Asia…), Songs of Priaruggia (lei, Genova e Miriam…), Vita, opere e morte del signor Tony F. Block (la rapina…), Vive la Resistence (la dittatura di panda e capre, ikl signor Bruni, Mark, Nico, Sara) e That’s Life (Frank, Jonny e Caroline) …

 

“La bellezza salverà il mondo” scriveva nel 1869 Fedor Dostoevskij nel suo romanzo “L’idiota”…

I giovani… e la letteratura salveranno Agnone?

Ai posteri l’ardua sentenza!" GUARDA LA DIRETTA INTEGRALE DELLA MANIFESTAZIONE https://fb.watch/7jOgPrYjkR/

Condividi su:
Maria Carosella

Seguici su Facebook