Cantano faccetta nera e inneggiano al Duce: avvocato di sinistra aggredito a Vasto

Il fatto è avvenuto in via Dalmazia tra l'indifferenza dei passanti. La polizia: non sottovaluteremo

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il gravissimo episodio è avvenuto in viale Dalmazia a Vasto Marina. Una cosa deprecabile sia dal punto di vista della violenza che dell'apologia di fascismo. La polizia di Vasto ha già dichiarato che non sottovaluterà l'episodio. Perchè quanto è avvenuto è configurabile come aggressione "di stampo fascista". Come ha pubblicato l'Ansa Abruzzo in un locale pubblico della cittadina del basso Abruzzo, delle casse acustiche sono state diffuse "a tutto volume" le note di Faccetta Nera.

Nicholas Tomeo, avvocato 31enne di Vasto, ha raccontato le violenze subite affidandone il racconto a Facebook e  non ancora ascoltato in Commissariato. "Ieri sera, mentre passeggiavo, ho sentito da lontano suonare 'Faccetta nera' a volume altissimo da un locale della zona. Mi sono avvicinato chiedendo di interrompere subito la musica. A quel punto, a quanto pare il titolare del locale, mi aggredisce colpendomi violentemente al volto". L'aggressore sarebbe poi uscito dal locale "per continuarmi a provocare con saluti romani e gridando 'A noi!'. La beffa inoltre è che il luogo dove è il locale è un ex campo di internamento. Il che rende il tutto molto più grave". Tomeo si è recato al pronto soccorso di Vasto dove ha avuto 3 gg di prognosi.

"Quella di ieri sera - ha continuato l'avvocato su fb-  è stata un'aggressione fascista a tutti gli effetti. Una violenza che tenta di mettere a tacere il dissenso di chi nonostante tutto continua a opporsi alla deriva xenofoba e fascista attuale.  È necessaria una risposta antifascista e antirazzista che continui a costruire vertenze sociali, culturali e politiche contro ogni razzismo e fascismo.  Non perché ha riguardato me, ma perché l'antifascismo è un principio da salvaguardare sempre, e perché ovunque ci sia un compagno o una compagna aggrediti la risposta solidale dev'essere forte e compatta! Da ieri sera continuo a ricevere solidarietà da tantissimi e tantissime compagni e compagne!  Già da ieri sera infatti in molti, per essermi vicini, si sono presentati al pronto soccorso, dove mi hanno dato qualche giorno di prognosi per i traumi al cranio e allo zigomo.  Vi ringrazio tutti e vi abbraccio.  La solidarietà antifascista è fondamentale in queste circostanze, perché testimonia che chi quotidianamente lotta contro il fascismo e il razzismo non è mai solo o sola. Siamo tanti e tante, compatti, uniti e solidali. 
Inevitabilmente ci sarà una risposta di piazza, trasversale e meticcia, come i compagni e le compagne mi dicono.  Non si è mai soli!  Le idee si rafforzano, nonostante le violenze e le aggressioni.  Antifa sempre e comunque.  Un abbraccio e un saluto a pugno chiuso!
"

Tutto ciò potrebbe essere anche frutto di uno sdoganamento della cultura di stampo fascista, resa ancora più attuale dalle recenti dichiarazioni del ministro leghista della famiglia Fontana, che ha dichiarato di voler abrogare la Legge Mancino, che prevede delle pene specifiche per chi propaganda e diffonde messaggi che fanno riferimento al ventennio fascista. 

Tra i messaggi di solidarietà anche quello di Fronte di Lotta No Austerity che dice:  Ieri a Vasto, in provincia di Chieti, il compagno Nicholas Tomeo, attivista dell'Usi-Ait, è stato oggetto di una grave aggresione fascista. L'aggressore è il proprietario del locale in via Dalmazia 10 a Marina di Vasto che ieri, nel bel mezzo della movida cittadina, ha fatto diffondere a tutto volume "Faccetta nera" (canzone cantata dai soldati fascisti in Abissinia). Quando Nicholas si è recato da lui per denunciare la grave condotta di apologia del fascismo, questo gli ha sferrato un violento pugno in faccia procurandogli tre giorni di prognosi.  A completare il quadro è stato il clima di indifferenza generale che ha ben contribuito dare quel senso d'impunità che è terreno fertile per il prodigarsi di nuove aggressioni. Stiamo vivendo in un clima di tensione sociale dove i fenomeni di aggressioni fasciste e razziste sono in continua espansione anche e soprattutto grazie alla copertura politica data dal governo xenofobo-populista di Lega e M5S. Il Fronte di Lotta No Austerity esprime solidarietà e sostegno al compagno Nicholas e ai compagni di Usi-Ait e invita tutti gli attivisti di organizzazioni sindacali e politiche alla difesa militante dalle aggressioni fasciste. 

Questi ultimi e inqualificabili episodi non fanno altro che confermare ciò che andiamo dicendo da sempre: il fascismo va combattuto ed estirpato a partire dalle sue radici borghesi e nonostante il disimpegno delle istituzioni.
 

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK