Commissario ad acta, Di Maio spiegando il decreto fiscale: non potrà essere il presidente della Regione

Sfuma la nomina di Donato Toma. Ministra Grillo a lavoro per trovare il nome giusto da inviare a Campobasso. Battaglia vinta dal Movimento Cinque Stelle che scatenerà un vespaio di polemiche.

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA

Il presidente della Regione Donato Toma avrà un quarto del potere dei suoi predecessori. Perché non potrà essere nominato commissario ad acta per la sanità.

"Non sarà più possibile - ha dichiarato poco meno di un'ora fa il vicepremier Luigi Di Maio-  che un presidente di Regione possa fare anche il commissario per la Sanità nella sua regione." Il ministro del lavoro lo ha detto commentando il Decreto Fiscale appena approvato in Consiglio dei Ministri.

"Abbiamo la certezza - ha dichiarato il Movimento Cinque Stelle del Molisesu quello che abbiamo sempre sostenuto e dichiarato: Toma non può fare il Commissario per la Sanità. Siamo certi che il Ministro Grillo sceglierà la figura più idonea per risollevare la sanità molisana".  Toccherà quindi alla persona nominata dalla ministra a 5 stelle quindi, decidere se davvero riaprirà il reparto di nefrologia all'ospedale di Agnone e se il dottor Nicola Iorio, fratello dell'ex presidente Michele Iorio, sarà il nuovo primario del neorinato reparto di stroke unit di neurologia al Cardarelli di Campobasso.

C'è da giurarci che la persona nominata possa rimettere in discussione le decisioni comunicate di recente dal presidente della Giunta in materia sanitaria. E che a quel punto la politica alzerà le mani e darà la colpa di quanto avverrà unicamente al Commissario ad acta. Una decisione che farà discutere nelle prossime ore e che non lesinerà commenti da parte di chi ha sperato che Donato Toma potesse avere lo stesso potere di Paolo Di Laura Frattura in materia di ospedali e strutture private.,Ora però è tempo di nomine e per la ministra Grillo è già scattato impietoso il conto alla rovescia.

Che dovrà fare non soltanto per il Molise ma a breve anche per le regioni più grandi commissariate, una su tutte la Campania di Vincenzo De Luca, uno dei presidenti che insieme a Donato Toma si era opposto ferocemente a questa battaglia portata avanti e vinta dal Movimento Cinque Stelle

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK