Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Elezioni provinciali Isernia, due candidature per Agnone: Saia e la new entry Linda Marcovecchio

Condividi su:

Domani 4 Marzo alle ore 12 scadono i termini per la consegna delle liste dei candidati per il rinnovo del consiglio provinciale di Isernia. I posti a disposizione solo 10, ma i candidati sembrerebbero essere molti. Il centro destra è pronto a presentare ben due liste, per consentire all’intero territorio di essere rappresentato. Manca ancora l’ufficialità sui nomi dei candidati ma e' certo che la prima compagine sarà formata da esponenti dei Popolari e di Forza Italia, l’altra dovrebbe vedere in campo Lega, Fratelli d’Italia e Orgoglio Molise

Fra le candidate quasi sicuramente la vicesindaca di Agnone Linda Marcovecchioe Il sindaco di Pescolanciano Manolo Sacco.

 Per il centrosinistra le conferme sono quelle di Daniele Saia consigliere al comune di Agnone e del del vicepresidente uscente Cristofaro Carrino.

Certa invece la non ricandidatura di Mike Matticoli, l'uscente cosigliere con delega alla viabilità . Resta per ora in carica Coia  il presidente dell’ente di via Berta, il cui mandato naturale scade a novembre. Ma, un ruolo fondamentale lo giocheranno le elezioni comunali di primavera. Coia è infatti sindaco di Filignano che torna al voto. Se non dovesse ricandidarsi o non dovesse essere eletto, decadrebbe anche dalla carica di vertice della Provincia. In quel caso il suo vice dovrebbe indire nuove elezioni solo per la scelta del nuovo presidente Le operazioni di voto si svolgeranno dalle ore 8 alle ore 20 del 24 marzo, nel seggio che sarà allestito nella sede di via Berta.

Alle urne sono chiamati sindaci e consiglieri comunali in carica nei municipi della provincia. Sono eleggibili i sindaci e i componenti del Consigli comunali in carica. L’elezione del Consiglio avviene con voto diretto, libero e segreto attribuito a liste composte da un numero di candidati non superiore ai dieci da eleggere e non inferiori alla metà degli stessi.

Condividi su:

Seguici su Facebook