Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

La rete 5G stravolgerà il futuro.

Le calde lacrime  della solitudine che affondano le radici nella nostalgia del  tempo diventeranno secche come le foglie in autunno, appena cadute.

Condividi su:

Si dice 5G e si entra in un futuro dove il sogno e la fantasia vengono travolti senza pietà. 5G è la rete di nuova generazione che andrà a superare l’attuale 4G LTE. Detta così si potrebbe pensare che sia solo un fatto di velocità di connessione. In realtà c’è molto di più. 
Lo hanno dimostrato i cinesi al Mobile World Congress di Shanghaidimostrando come stanno battendo la concorrenza con la Silicon  Valley americana. Non a caso Trump e gli americani tutti si sentono accerchiati dalla Cina.
Cosa si può già fare oggi con il 5G
Un semplice specchio posto nelle mani può consentire di entrare in un’opera d’arte e conoscerne tutti trucchi e tutte le sottigliezze cui l’autore ha pensato, Possiamo addirittura passeggiare lungo la Senna, nei dipinti degli impressionisti o far colazione, come usavano gli inglesi nell’ottocento, dentro gli Uffizi di Firenze, ma quelli dovevano attraversare l’Europa per poterne godere.  Non c’è bisogno di essere acculturati. Una voce e tanti altri parametri raccontano tutto e di più. Il nostro salotto, tutti i musei del mondo
Oppure può consentire di visitare un luogo, immergersi in esso, senza spostarsi di un millimetro dal proprio divano. Si percorrono Canyon, si sale sull’Everest, si attraversa il Mississippi, si visita New Orleans, la steppa russa, il polo sud, si sale sulla Transiberiana, sia essa quella vera, sia essa quella dell’Altosannio. 
Quello che si potrà fare, in un domani prossimo
Con appositi visori, si potrà sostituire un uomo con una macchina.Questo è già possibile oggi. Domani si potrà farlo stando a migliaia di km di distanza. Le auto sfrecceranno da sole, le gru si muoveranno senza che nessuno le manovri da dentro, ragni fantastici potranno muoversi tra le macerie di un palazzo in fuoco o di un terremoto, chirurghi potranno operare a distanza a favore di popolazioni lontane dal centro urbano attrezzato.
Si potrà, stando seduti davanti al caminetto, parlare con la persona cara che vive a migliaia di km di distanza come fosse nel salotto con noi. Oppure dialogare con  persone che ci han lasciato per continuare a pensare che siano ancora in vita.
Ecco che Le calde lacrime  della solitudine che affondano le radici nella nostalgia del  tempo diventeranno secche come le foglie in autunno, appena cadute.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook