Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Provinciale chiusa, verso una soluzione provvisoria

Nei prossimi giorni la perizia geologica in vista dello sbancamento della scarpata a monte della frana

Condividi su:
MONTAZZOLI - La Provincia non ha soldi, l'unica speranza per la sp 152 è che intervenga la Regione con i fondi a disposizione dell'assessorato ai Lavori pubblici. E' quanto emerso dal vertice in Provincia appena conclusosi a Chieti. Al tavolo tecnico hanno partecipato tra gli altri il commissario prefettizio di Castiglione, Giovanni Giove, i sindaci di Montazzoli, Ercole Del Negro, e di Schiavi di Abruzzo, Luciano Piluso, l'ingegnere capo della Provincia, Cristini, l'assessore regionale De Fanis e ovviamente i rappresentanti della Provincia. Proprio il sindaco di Montazzoli, Ercole Del Negro, appena uscito dall'incontro, mostra ai nostri telefoni un cauto ottimismo. "Riguardo all'intervento di messa in sicurezza del tratto in frana la Provincia ha ribadito di non avere quella somma a disposizione (si parla di oltre mezzo milione di euro, ndr). - spiega il primo cittadino di Montazzoli - L'unico ente in grado di poter intervenire è quindi la Regione. L'assessore Luigi De Fanis, che ha preso parte all'incontro e che è originario di Montazzoli, ha assicurato che si batterà per ottenere i fondi necessari alla messa in sicurezza, coinvolgendo anche l'assessorato ai Lavori pubblici. Nell'immediato però, proprio per consentire la riapertura al traffico in tempi brevi, si è presa in considerazione l'ipotesi di sbancare la scarpata a monte della frana. Una perizia geologica è in programma nei prossimi giorni. In caso di parere favorevole, grazie all'impegno congiunto di Provincia e Comunità montana, si andrà ad intervenire allargando l'unica carreggiata rimasta e riaprendo la strada al traffico, anche se a senso unico alternato".
Condividi su:

Seguici su Facebook