Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Ndocciata 2020, ecco le proposte turistiche di Domenico Lanciano

| di Domenico Lanciano
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA
La prossima Ndocciata Maggiore 2020 capita alla fine di un “ponte” festivo (sabato 5 – domenica 6 – lunedì 7 – martedì 8 dicembre) che la comunità agnonese potrebbe utilizzare al meglio con alcune manifestazioni collaterali, adatte ad attrarre molti più turisti del solito, spalmati sui predetti 4 giorni.
Una di queste manifestazioni collaterali potrebbe essere incentrata sulla promozione di formaggi di Agnone e dell’Alto Molise. La mia proposta è quella risalente ad oltre 20 anni fa e cioè REALIZZARE UNA VERA E PROPRIA “FIERA DEI FORMAGGI ALTOMOLISANI” con appositi stand, ma anche con conferenze promozionali collaterali ed uno spettacolo-evento di carattere musicale per un clamore nazionale.
Infatti, si potrebbe realizzare, al Teatro Italo-Argentino una speciale manifestazione promozionale (ad esempio, sabato 5 o domenica 6 oppure 7 dicembre) sulla diffusione e sui premi ottenuti dai formaggi agnonesi negli ultimi decenni e del salto di qualità che le aziende locali hanno saputo fare. Al termine di questa “conferenza” ci potrebbe essere uno spettacolo della “NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE” di Napoli che (per la storia ed il prestigio, per il repertorio e la allegria che porta) rappresenta un grande evento socio-culturale, tale da rimanere nella memoria collettiva. Ovviamente, tale spettacolo dovrebbe avere un accesso gratuito perché sponsorizzato dai caseifici locali assieme ad istituzioni e associazioni nell’àmbito della Ndocciata Maggiore.
Non sarebbe, infine, inutile pensare ad un GEMELLAGGIO con la zona dell’EMMENTAL (Cantone di Berna) in Svizzera, dove si produce il famoso formaggio. Ci sono parecchie similitudini tra l’Alto Molise e la Valle dell’Emme. Un “gemellaggio promozionale” potrebbe aprire porte e possibilità inimmaginabili.
In un articolo sulla pagina molisana de “Il Messaggero” di Roma nel 1956, il medico e sindaco di Agnone, Camillo Carlomagno, scriveva che l’Alto Molise è una piccola Svizzera. Ed è ciò che hanno detto, meravigliati ed affascinati, i 14 giornalisti della Stampa estera che hanno visitato queste nostre montagne il 9 e il 10 maggio 2014, su invito di questa Università delle Generazioni e di alcuni lodevoli imprenditori agnonesi. Lo ribadisce, nell’articolo allegato (appena pubblicato da www.altomolise.net), il bassista della Nuova Compagnia di Canto Popolare, Pasquale Ziccardi. L’equazione Alto Molise come la Svizzera potrebbe essere un utilissimo slogan, cui accompagnare però iniziative e strutture “adeguate”.

Domenico Lanciano

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK