Sevel, la regione Abruzzo nega il trasporto pubblico ai dipendenti comandati a lavorare in orario straordinario di domenica

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

"La regione Abruzzo continua a negare il trasporto pubblico ai dipendenti della Sevel e dell'indotto, comandati a lavorare, in straordinario. di domenica. Al contrario la regione Molise ha immediatamente assicurato il bus"

E' quanto dichiara Nicola Manzi, Uil Chieti-Pescara e continua "Nonostante i ripetuti appelli alle istituzioni regionali è la quarta volta consecutiva che i pendolari abruzzesi restano a piedi, è già accaduto il 27 ottobre, il 10 e 24 novembre 2019 e il 9 febbraio 2020.

Questo disservizio pubblico obbliga tanti lavoratori abruzzesi ad usare la propria auto per recarsi a lavoro, incrementando notevolmente il traffico sulla rete stradale nella Fondo Valle Sangro, in particolare nelle prime ore del lunedì mattina con il cambio dei turni di lavoro.

Il rischio di incidenti stradali diventa elevatissimo, soprattutto per quei lavoratori costretti a mettersi alla guida dopo 8 ore di lavoro notturno in fabbrica.

Sono troppi gli incidenti stradali che vedono coinvolti lavoratori nel tratto casa-lavoro-casa e tanti di questi lavoratori hanno perso anche la vita.

E conclude "La regione Abruzzo non resti sorda agli appelli, assicuri il trasporto pubblico, tuteli i lavoratori e garantisca la sicurezza sulle strade."

 

Atessa, 9 febbraio 2020

 

 

 

 

 

 

 

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK