Fidas, la protesta sortisce effetti: da marzo nuovamente trasfusioni

| di Viviana Pizzi
| Categoria: Attualità
STAMPA
Vogliamo andare con l' Abruzzo, questa regione non ci dà niente. È il grido degli anziani della Fidas, associazione dei volontari donatori di sangue che questa mattina si sono riuniti davanti all'Asrem per protestare.
 
Da gennaio, dopo 50 anni tra Avis e Fidas, non possono donare il sangue. Loro che da una vita lo fanno gratis e per il bene della popolazione di Agnone.
 
Mentre il presidente è stato ricevuto dalla dirigenza Asrem gli altri hanno gridato ai nostri microfoni tutta la loro rabbia per un servizio che farebbe bene alla popolazione di Agnone ma anche dell'altovastese.
 
Ora un Agnonese per donare il sangue deve recarsi a Isernia. Per i cittadini dell' altovastese è anche più scomodo.
 
La rabbia è contro una classe regionale che sembra essere lontana dalle esigenze dei cittadini. Al termine dell' incontro il presidente Capparozza ha annunciato: da marzo di nuovo trasfusioni.

Viviana Pizzi

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK