Proseguono al Circolo San Pio di Agnone i pomeriggi culturali. Dopo i Di Nucci, Scarano

| Categoria: Attualità
STAMPA

Dopo il dr. Giovanni di Nucci, che il 24 luglio ha intrattenuto un folto pubblico su "Attività Fisica – Un investimento per guadagnare salute"; dopo il prof. Domenico Di Nucci che il 29 luglio ha parlato di Aneddoti Locali,  Il Circolo San Pio di Agnone ha ospitato, ieri, l'avv. Vincenzo Scarano che ha parlato di "Protezione Anziani in tempo di Covid".
È stata l'occasione per approfondire, dal punto di vista della protezione, tutti i vari aspetti di una pandemia che si è rivelata come il male del nuovo millennio: un virus respiratorio che può causare malattie da lievi a grave, dal comune raffreddore a sindromi respiratorie che porta il paziente ad essere intubato, in terapia intensiva (e in molti casi porta al decesso).

Ne ha parlato, a giusto titolo, l'avv. Scarano, essendo egli anche responsabile legale della Casa di Riposo San Bernardino di Agnone. Si è così appreso che la casa di cura, è  stata sommersa da centinaia di documenti da onorare, procedure da seguire, percorsi da definire, nuove disposizioni da applicare. Alla domanda del pubblico: le istituzioni vi sono state vicine? La risposta di Scarano è stata decisa e risoluta: Moltissimo. Non hanno mai fatto mancare la loro attenzione, che si trattasse di richieste comunali di documentazioni l'oggi per il domani, del controllo dei NAS presentatisi il giovedì santo, per ispezionare i locali e verificare che tutti i dispositivi di sicurezza fossero a norma. 

Come dire che, più che le dovute attenzioni, la casa di cura è stata attenzionataHanno potuto verificare che i pazienti sono assistiti h24 da assistenti giovanissimi e ben disposti; tutto è in ordine salvo un rubinetto che perdeva un filo d'acqua; la casa di cura, senza un euro di contributi comunali o regionali o statali, riesce a dare ai pazienti una vita che non si riduce solo a pulizia, vitto e alloggio ma partecipazione ad attività sociali, sollecitazioni curiosità, attività fisica con assistenza di fisioterapista.  Non ci sono stati contagi, tutto si è svolto con efficacia ed efficienza. Dopo mesi di lockdown e di stretta osservanza delle restrizioni per evitare contagi all'interno della Casa di riposo, nel pomeriggio del 26 luglio, alle ore 17, finalmente un momento di condivisione nel cortile esterno, grazie a una messa celebrata all'aperto da Padre Cleopas. Durante la chiacchierata è sorta una domanda: le attenzioni che le istituzioni hanno così pervicacemente  e assiduamente avuto con la casa di riposo San Bernardino sono state le stesse per tutte le case di riposo del territorio? 

Purtroppo, un po' come successo con la presenza di Giovanni Di Nucci, anche con la presenza di Vincenzo Scarano, non è mancato un riferimento alle prossime elezioni comunali. Da Di Nucci si è appreso che si presenta con la lista di sinistra, in via di definizione. Da Scarano si è appreso che sarebbe auspicabile una lista civica unitaria che non abbia legami stretti con i capi bastone regionali, che abbia a cuore il destino di Agnone da troppo tempo relegato in un piccolo angolo di una piccolissima regione: lì, in quell'angolo, l'acqua e l'ossigeno non arrivano come dovrebbero e non possono creare un minimo di aerazione e idratazione, stante un confine maledetto che chiude a ogni possibilità di sviluppo.

Enzo C. Delli Quadri

 

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK