Molise da record per il Turismo, ma Agnone non decolla nonostante le presenze: niente manifestazioni e manca l' acqua

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

"Il Molise sta facendo numeri da record: il famoso e vituperato, per fortuna da pochi, Piano strategico del turismo e il gioco di squadra stanno dando i frutti con risultati che vanno ben oltre ogni aspettativa". Così all'ANSA l'assessore regionale al Turismo e al Marketing territoriale, Vincenzo Cotugno. Il weekend appena trascorso ha fatto sold out in montagna e anche sulla costa."  Questo un lancio stampa dell'assessore al turismo del Molise, risalente a fine luglio. In effetti molti turisti quest'anno hanno scelto il Molise per le proprie vacanze, turisti provenienti da ogni regione italiana. Anche a Agnone si registra il sold out nelle strutture ricettive e anche osservando la gente che circola nelle strade e nei ristoranti .

Quest'anno a differenza di altri anni il flusso turistico è iniziato già da fine luglio fino a raggiungere il pienone in questa calda settimana del ferragosto. Ma e' con dispiacere che si osserva una estate con nessuna iniziativa pubblica che possa allietare la permanenza in Agnone. Le norme relative alla pandemia da Covid 19 naturalmente hanno limitato gli eventi, ma in molti paesi si è cercato anche attraverso l'applicazione delle norme restrittive previste dalla legge, di favorire iniziative culturali, o attività organizzate all'aria aperta che consentono il distanziamento ma che divertono e favoriscono l'attività fisica.

Il comune di Agnone, oggi commissariato, con le associazioni culturali, di volontariato, dello spettacolo e musica, gli altri anni realizzava un programma per l'estate agnonese, quest'anno  nel rispetto seppur delle norme non e' stato organizzato nulla. I turisti lamentano la chiusura di molte chiese non visitabili, come pure la Biblioteca Comunale, visitabile la mattina ma solo due pomeriggi a settimana. Altro nodo cruciale è la mancanza di un punto per dare informazioni alla gente che viene da fuori. La casetta in legno, info point, fa bella mostra di se in piazza Unità d'Italia, ma purtroppo non c'è alcuno che fornisce informazioni. Si respira aria da Covid 19 a Agnone, ma in altri luoghi cittadini purtroppo gli assembramenti non mancano. Nei paesi limitrofi la situazione non è migliore,  in molti venuti in Molise per visitare il teatro di Pietrabbondante l'hanno trovato chiuso. 

A rendere la situazione ulteriormente critica per il turismo a Agnone, la riduzione dell' approvvigionamento idrico nelle case, con l'interruzione nelle ore notturne e in alcune ore pomeridiane dell'erogazione dell'acqua, gravissimo problema che affligge Agnone negli ultimi quattro anni. Forse ha ragione l'assessore Cotugno che il Molise quest'anno e' una delle mete preferite dai turisti, ma tra strade dissestate, servizi inefficienti, iniziative ludico-culturali inesistenti, ad oggi si può solo apprezzare il buon cibo e mangiare troppo, gli esperti affermano che non aiuta a mantenere lo stato di salute

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK