Domani il Dcpm per la nuova stretta. No chiusura dei parrucchieri, Il Cts: ingressi scaglionati per superiori e atenei

Non chiuderanno negozi di parrucchiere e centri estetici. Valutazione sullo stop alle palestre e alle piscine

| Categoria: Attualità
STAMPA

Il governo lavora sulle nuove misure di contrasto all'emergenza covid, dopo l'aumento dei contagi. Serrato confronto con le Regioni, il ministro Speranza assicura: le decisioni saranno prese insieme. Secondo indiscrezioni, non chiuderanno negozi di parrucchiere e centri estetici. Una valutazione è invece in corso sullo stop alle palestre e alle piscine e più in generale sugli sport di contatto dilettantistici. Sul tavolo anche scuola, trasporti e apertura dei locali. Palazzo Chigi cerca di fermare le anticipazioni e dice "no a ipotesi non corrispondenti a verità", rimandando tutto alle comunicazioni ufficiali di Conte, attese per domani. 

Le indicazioni emerse nel corso della riunione del Comitato tecnico scientifico che potrebbero essere adottate dal governo per frenare l'ondata di contagi sono: ingressi scaglionati per scuole superiori e università ma al momento niente didattica a distanza, riorganizzazione dei trasporti locali con il coinvolgimento dei sindaci, potenziamento dell'attività di diagnosi e contact tracing con i medici di base e i pediatri, potenziamento della medicina territoriale attraverso il contributo della protezione civile. 

"Se guardo i numeri degli altri Paesi le nuove misure sono necessarie per evitare di arrivare a quei livelli". Lo ha detto - a quanto si apprende - il ministro per la Salute, Roberto Speranza durante il vertice governo-Regioni in vista della nuova stretta per arginare l'aumento dei contagi da Coronavirus in Italia. 

"L'idea di base è l'irrigidimento delle misure con una distinzione di base tra attività essenziali e non essenziali perché abbiamo necessità di limitare i contagi. Interveniamo adesso con più forza sulle cose non essenziali per evitare di dover incidere domani sull'essenziale che per il governo è rappresentato da lavoro e scuola. Se decidiamo come governo di chiedere a qualche comparto di cessare o limitare le proprie attività ci facciamo carico del ristoro".

"Sulla movida potremmo fare uno sforzo in più, valutiamo se è il caso di una una stretta sugli orari serali per evitare assembramenti", ha spiegato. "Lavoriamo insieme sui trasporti. Serve una mossa netta sullo smart working, direi di arrivare anche al 70-75%".

"Orari scaglionati per le scuole e favorire il più possibile la didattica a distanza per le scuole superiori". E' quanto chiesto dalle Regioni al governo durante il vertice di oggi. Alcune Regioni, come l'Umbria, hanno annunciato per le scuole superiori l'idea di introdurre "la didattica a distanza per un periodo limitato, allo scopo di consentire in 15 giorni di capire e studiare l'evoluzione della pandemia".

 "Sulle piscine e le palestre si valuti di tutelare almeno le squadre, che possono rispettare i nuovi protocolli". E' quanto ha spiegato - a quanto si apprende - il presidente della Confernza delle Regioni e governatore del'lEmilia Romagna, Stefano Bonaccini durante il vertice con il governo in merito all'ipotesi di una eventuale stretta su palestre, piscine e attività sportive nel prossimo Dpcm.

Il Piemonte dice no alla chiusura anticipata alle 22 dei locali e, pur essendo favorevole ad altre forme di contenimento degli assembramenti, di fronte all'ipotesi di coprifuoco difende la scelta di tenere aperte le attività economiche fino alle 24, come prevede l'ordinanza firmata ieri dal governatore Alberto Cirio. Secondo quanto si apprende, il Piemonte è inoltre contrario alla chiusura di estetisti e parrucchieri: si tratta di attività sicure - osservano fonti della Regione - se applicano le misure di sicurezza previste.

E' previsto tra domani e lunedì il varo del nuovo dpcm anti-Covid, al centro di un lungo vertice notturno a Palazzo Chigi. Tra le ipotesi ci sarebbe quella di un coprifuoco dalle 22, ma senza arrivare a un lockdown. Da stasera in Lombardia pub e ristoranti chiudono alle 24. In Campania consentite da oggi le lezioni in presenza per gli asili. Ieri in Italia oltre 10mila nuovi contagi su 150mila tamponi e 55 morti, in calo rispetto agli 83 del giorno prima.

"La situazione si sta aggravando - dice il capo politico del M5s Vito Crimi - ma siamo ancora in tempo per prendere misure serie e mirate a ridurre la crescita esponenziale della curva dei contagi di questi ultimi giorni, innanzitutto ascoltando la comunità scientifica". Servono "subito comunque misure più restrittive che ci consentano di contenere la crescita" della diffusione del virus. "È importante agire subito, individuando le situazioni a maggior rischio di contagio, quelle in cui è più difficile controllare il rispetto di regole e protocolli. Mentre al ristorante sappiamo che si possono far rispettare le distanze, ciò non avviene per la movida. E' quindi necessaria, a nostro avviso, una stretta sulla somministrazione di alimenti e bevande al di fuori dei luoghi in cu non è possibile verificare il rispetto dei protocolli, dove l'aggregazione spontanea non è controllabile".

La curva dei contagi sta crescendo velocemente e punta decisamente verso l'alto, ma dove sia il picco in questo momento non è noto in quanto dipenderà dalle misure di sicurezza adottate. "C'è una crescita veloce, ma non enorme", ha detto all'ANSA il fisico Enzo Marinari, dell'Università Sapienza di Roma. 

Le Regioni, intanto, si muovono in ordine sparso. Arrivano nuove strette in Campania, Lombardia, Piemonte. Il governo cercherà un maggiore coordinamento in una riunione convocata in mattinata da Francesco Boccia con Speranza, il commissario Domenico Arcuri e i governatori. Arcuri chiede loro di attivare 1600 posti in terapia intensiva per i quali sono stati inviati i materiali. E Conte avverte che "chiudere in blocco le scuole non è la migliore soluzione". Lo ha fatto Vincenzo De Luca, che dopo la protesta di mamme, conducenti di scuolabus e studenti, riapre gli asili e i nidi. Il governo, ipotizza la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, potrebbe impugnare quella scelta: "Gli studenti campani invece di essere in classe sono in giro per i centri commerciali", denuncia. La linea comune del governo è che le scuole non vadano chiuse. Alcuni ministri ipotizzano di rafforzare le lezioni a distanza (già ora possibili, nell'autonomia dei singoli istituti) e di scaglionare di più gli orari, con classi anche nel pomeriggio. Ma chiudere del tutto le aule, no. L'esecutivo, avverte Boccia, ha già offerto e continua a offrire alle Regioni tutto il supporto possibile, ma prima di toccare scuola e lavoro bisogna dare risposte attivando tutte le terapie intensive ("Dove sono finiti i ventilatori polmonari?") e agendo in altri ambiti o ciascuno si "assumerà la responsabilità degli effetti".

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK