Covid 19- Federazione Provinciale del PD di Isernia chiede tutela sanitaria per il territorio e per i cittadini

| di Maria Carosella
| Categoria: Attualità
STAMPA

La Federazione Provinciale del PD di Isernia affronta la tematica legata all’emergenza Covid e chiede, a gran voce, che venga tutelato il territorio e i cittadini della provincia pentra con alcune misure ed interventi.

Di seguito elenchiamo le richieste del comunicato:

 

  • risposte immediate sulla reale situazione della Sanità del Molise, in particolare di Isernia, ai Commissari alla Sanità, al Presidente della Regione e al Direttore Generale dell’Asrem che dovranno comunque rispondere, in tutte le sedi, in qualità di figure apicali nonché come principali responsabili di eventuali e scongiurabili esiti tragici nell’evolversi della vicenda;
  • al Ministero della Salute e al Governo di monitorare l’intera vicenda affiancando, ed eventualmente sostituendo, i vertici politici e dirigenziali che stanno gestendo la Sanità del Molise, inviando ad horas gli ispettori ministeriali per accertare la situazione reale relazionando sullo stato dell’arte e, conseguentemente, di attuare tutti gli interventi necessari e urgenti per affrontare una situazione che rischia di diventare incontenibile, considerate anche le annose difficoltà della nostra Sanità, determinate da troppi “tagli” e scelte sbagliate;
  • l’istituzione di una Commissione d’inchiesta parlamentare sulla gestione dell’emergenza sanitaria al fine di verificare, anche in Molise, la correttezza e l’efficacia delle azioni messe in campo a livello di prevenzione e di cura, nel pieno rispetto di protocolli e linee guida ministeriali, accertando le cause di eventuali errori e disservizi e le relative responsabilità.

Giungono notizie preoccupanti da operatori sanitari e cittadini che segnalano gravi difficoltà nella gestione dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e nella stessa attività ordinaria negli ospedali, situazione critica che sta ormai esplodendo anche in Molise, in particolare nella Provincia pentra.

Ogni giorno apprendiamo di nuove chiusure su Isernia (scuole, asilo, tribunale), stiamo rivivendo il momento peggiore della pandemia con l’aggravante che questa “seconda ondata” era ampiamente prevedibile ma nonostante ciò l’emergenza sanitaria è stata gestita in maniera del tutto inadeguata.

Stiamo pagando oggi le scelte sbagliate e l’inerzia dei vertici politici regionali e di quelli aziendali Asrem dei mesi scorsi nonostante la disponibilità di tempo utile e dei fondi straordinari del Governo nazionale per affrontare l’emergenza sanitaria e potenziare l’organizzazione, le strutture, il numero di posti letto, i tamponi e tutte le dotazioni necessarie in termini di personale e di parco tecnologico.

Sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria il PD, sia a livello provinciale che regionale, ha evidenziato la necessità di garantire la separazione Covid/No Covid affrontando le criticità della nostra Sanità attraverso una seria programmazione ma l’unica risposta dei vertici politici e tecnici regionali è stata di mettere in campo un piano emergenziale molto debole con un centro Covid realizzabile in tempi non compatibili con l’attuale urgenza e di discutibile efficacia sul piano strutturale e logistico.

 

 

Federazione Partito Democratico di Isernia

 

Maria Carosella

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK