Recovery: Sciulli troppi step per Comuni, fondi siano diretti

| Categoria: Attualità
STAMPA

"Ravvisiamo una eccessiva frammentazione degli interventi destinati ai Comuni (infrastrutture sociali, mobilità, rigenerazione, efficientamento energetico) e alcuni nodi non sciolti rispetto a come si governerà questa grande operazione".

Così il presidente Anci Molise Pompilio Sciulli alla Conferenza unificata dei Presidenti. "Il rischio è che tra accordi interministeriali, ripartizione delle risorse alle Regioni e successivi bandi o avvisi pubblici per i Comuni si allunghino di molto i tempi di realizzazione dei progetti. Proprio quello che si vorrebbe evitare per non sprecare l'occasione unica del Piano nazionale di ripresa e resilienza. "Ringraziando quindi il Governo per l'interlocuzione necessaria per il successo di questa sfida impegnativa e importante per il Paese - ha premesso il presidente dell'Associazione dei Comuni Molisani Sciulli-, poniamo alcune questioni soprattutto di metodo". "Lo dice il passato recente: molti piani nazionali che sono anche richiamati nel Pnrr, restano per anni sulla carta per via del lunghissimo iter per l'assegnazione delle risorse – ha proseguito Sciulli-. Chiediamo inoltre finanziamenti diretti e non intermediati, norme di semplificazione specifiche per la realizzazione delle opere previste nel Piano, riduzione dei passaggi formali, coordinamento degli investimenti che hanno una dimensione urbana e piano straordinario di assunzioni di personale a tempo determinato". Il Presidente

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK