Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Dedicarsi al giardinaggio: la rinascita parte dalla natura

| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

È nel periodo tra la metà di marzo e i primi quindici giorni di aprile che la natura inizia a risvegliarsi dal torpore invernale. Mai come quest'anno, dopo un lunghissimo periodo di chiusura e privazioni legato alla Pandemia da Coronavirus, e successive varianti, la primavera deve essere vista come un'occasione di ripartenza. Ecco un motivo in più per dedicarsi ai primi lavori di giardinaggio e dare un nuovo volto agli spazi verdi.

Segna-piante e sistema di irrigazione fai da te

Un lavoro semplice e veloce, perfetto per chi vuole testare le proprie capacità in giardino iniziando dalle operazioni meno complicate, e non disponendo di molti attrezzi e accessori? Crearesimpaticifiorellinisegna-piante. Munirsi di:

  • tappi di bottiglia (sia in plastica che in vetro)
  • coloriacrilici
  • spray acrilico di colorenero
  • colla a caldo
  • abbassalingua

Il lavoro avrà inizio tinteggiando i tappi del colore preferito. Utilizzare della colla a caldo per incollarli tra loro, quindi dipingere sul tappo posizionato al centro il nome della pianta (se troppo lungo limitarsi all'iniziale). Sul retro, invece, incollare l'abbassalingua, che andrà poi inserito nel vasetto. Per dar vita a un sistema di irrigazione fai da te è sufficiente prendere una bottiglia di plastica e praticare sul fondo un piccolo foro. Togliere il tappo, inserire un filo di cotone e richiudere, poi capovolgere la bottiglia e infilarla nel terreno (o nel vaso).

Posa dell'erbasintetica

L'erba sintetica sta riscontrando un successo crescente conquistando, in modo particolare, le persone che, pur non avendo molto tempo da dedicare al giardino, non vogliono rinunciare al prato inglese. Prima di procedere con la posa preparare il terreno eliminando sassi ed eventuali residui di cemento: l'obiettivo sarà ottenere una superficie il più uniforme possibile. Accostando le strisce del rotolo si andrà a creare un tappeto. Rifilare i lati definendone le estremità, prestando attenzione a incidere unicamente il sottofondo senza intaccare il filato. Srotolare la banda di giunzione e, servendosi se possibile di alcuni picchetti ad "U", intervenire con la colla (un bicomponente sarà perfetto) nel punto di unione dei vari teli. Il passo successivo? Miscelare la colla e spalmarla, richiudendo i lembi. Per risultati ancora più sorprendenti effettuare la cosiddetta spazzolatura, operazione che consiste nell'utilizzare una spazzola dotata di setole semi-rigide per "alzare" le fibre sintetiche.

Riciclare vecchi attrezzi

Le persone che nutrono una grande passione per il giardinaggio sono consapevoli del fatto che arricchire uno spazio verde di piante e fiori rappresenta, molto probabilmente, la spesa meno onerosa. Questo è ancora più evidente valutando l'ammontare delle spese necessaria per dotarsi di un supporto destinato alle piante rampicanti, o il prezzo di mercato di un gazebo. Fortunatamente, esistono dei modi per risparmiare anche su tali acquisti. Se vecchi pneumatici potrebbero essere riutilizzati per creare aiuole, nulla vieta di trasformare secchi in disuso, con opportune modifiche, in fioriere per gerani. E perché non sfruttare una rete da letto finita in cantina per dar vita a supporti per rampicanti?

A volte i lavori di giardinaggio sono visti con un certo timore, soprattutto dalle persone poco avvezze ai lavoretti in casa. In realtà, disponendo di una buona manualità, e aggiungendo un pizzico di fantasia, qualsiasi giardino o terrazzo potrà velocemente assumere l'aspetto desiderato senza spendere una fortuna.

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK