Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

 Intervento di Andrea Di Paolo coordinatore SOA e referente della Federazione Lavoratori Metalmeccanici Stellantis Termoli su Gigafactory , transizione ecologica , prospettive e proposte

Condividi su:

 


 

 

La transizione ecologica é ancora in via sperimentale mentre le politiche economiche mondiali continuano le guerre sul petrolio .Le macchine saranno tutte elettriche? Nel 2040 ? Anzi si inizierà nel 2035 dichiara l'UE , tutto approssimativo e oggi ancora senza una legge. Tanto é vero che proprio l'ex amministratore delegato dell'allora fca Marchionne alcuni anni fa tirava fuori il suo scetticismo sull'elettrico.Per quanto riguarda lo stabilimento di Termoli e la costruzione di una Gigafactory ,si tende a parlare di futuro ma non si é stati chiari sulle reali produzioni di cambi e motori , un un'accordo con il governo parla di svecchiamento delle meccaniche e di riconversione immediata con parte dei soldi del pnnr come se giá da domani verrano eliminate le auto non elettriche.

Non é cosí, la transizione ecologica ad oggi é ancora una bolla di sapone, rimane peró una triste realtá immediata che cambi e motori a breve tempo non si produrranno piú a Termoli ma da altre parti naturalmente si, basti pensare che Termoli ha un motore nuovo di zecca che ha comportato un contratto di solidarietà da Gennaio 2020 firmato dalla direzione aziendale e le Organizzazioni sindacali firmatarie del Ccsl per i lavori delle nuove linee e l'avvio della produzione dei nuovi motori firefly 1.0 e 1.5. che ad oggi a lavori conclusi e viste le varie arie di riconversione dello stabilimento chissà se mai partirá a pieno regime e qui non si tratta di svecchiamento delle meccaniche , sia chiaro, dopo che il contratto di solidarietà ha interessato 1676 lavoratori per quasi due anni, diretti, indiretti e collegati alle unità motori 8v./16v , vale a dire un fiume di cassaintegrazione per che cosa?Il SOA Sindacato Operai Autorganizzati che non é firmatario del contratto aziendale per ovvi motivi ha delle proposte chiare:
Il ritiro immediato della cassaintegrazione , no a una riconversione totale dello stabilimento ma al massimo in affiancamento alle produzioni attuali una nuova area dedicata alla produzione di batterie e quindi pronti per quando sará chiara una transizione ecologica effettiva e non di sperimentazioni, che parlano al futuro ma che ora non da certezze.Chiediamo che la produzione del reparto cambi resti nel sito di Termoli .

No all'uso indiscriminato dei lavoratori precari e chiediamo garanzie per tutti i dipendenti a livello strutturale, non si puó parlare di garanzie occupazionali se non ci sono queste prerogative imprescindibili,  anche se abbiamo giá visto il metodo Stellantis alla Sevel di Atessa che non rinnova i contratti di lavoro ad alcuni lavoratori ma dopo pochi giorni prende 100 giovani interinali per un mese e questo non da assolutamente delle prospettive positive per una reale occupazione.

D'Altronde l'aumento degli occupati in Italia che tanto é decantato dal governo Draghi non é altro che lavoro interinale che va a periodi e non porta benefici a nessuno ma solo alle aziende che usano la forza lavoro in affitto a seconda di come tira l'aria ,senza garanzie e diritti , di certo a cospetto di questi metodi la politica non può sciacquarsi solo la bocca facendola passare come occupazione e sicurezza per i territori , eppure lo fanno spudoratamente. 

Chiediamo al nuovo gruppo Stellantis una democrazia sulla rappresentanza sindacale dei lavoratori, tutti devono essere liberi di scegliere da chi farsi rappresentare , per questo oggi chi aderisce al sindacato di base e che quindi non ha accettato le regole impartite dalla concertazione e' fuori dalla rappresentanza , questo significa disriminazione nell' imporre una sola linea di pensiero , fatto altrettanto grave che lo stesso contratto limita finanche il diritto di sciopero.
L'analisi e la discussione sono elementi fondamentali a cui noi non rinunciamo , la realta' bisogna guardarla anche da altri punti di vista per poi agire di conseguenza.

 

Andrea Di Paolo Coordinatore SOA Sindacato Operai Autorganizzati
referente della Federazione Lavoratori Metalmeccanici Stellantis Termoli

 

Termoli, 11 Febbraio 2022

Condividi su:

Seguici su Facebook