Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Nuove linee guida per la telemedicina. Facciolla: Anziani meno soli

Le linee guida prevedono sette modalità di assistenza a distanza: televisita, teleconsulto medico, teleconsulenza medico-sanitaria, teleassistenza, telemonitoraggio, telecontrollo e teleriabilitazione.

Condividi su:

 

In Molise abbiamo una delle percentuali più alte di popolazione anziana, in gran parte non auto sufficiente. 
Garantire la qualità della vita e dell’assistenza sanitaria significa garantire dignità ai nostri anziani.

Ecco perché diventa fondamentale la Telemedicina, ovvero l’assistenza sanitaria a distanza.

Nel periodo del nostro Governo regionale portammo l’erogazione del servizio al record nazionale del 5,4%, (oggi registriamo un 3,2%) attestandoci come modello per tutto il Paese.

Ritengo che quell’esperienza non vada ulteriormente dispersa.

Nel mese di maggio abbiamo organizzato due Agorà su modelli di intervento di assistenza territoriale che possono rappresentare un’opportunità per il nostro territorio, inoltre lo scorso 24 maggio è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il documento che contiene le linee guida organizzative per il “Modello digitale per l’attuazione dell’assistenza domiciliare”.

Sostanzialmente le linee guida prevedono sette modalità di assistenza a distanza: televisita, teleconsulto medico, teleconsulenza medico-sanitaria, teleassistenza, telemonitoraggio, telecontrollo e teleriabilitazione.

L’obiettivo è portare l'assistenza domiciliare integrata (Adi) entro il 2026 dall’attuale 4% al 10% per gli over 65.

Io credo che in Molise possiamo realmente mirare a questo obiettivo, la strada non sarà facile ma soprattutto se integreremo gli strumenti della teleassisteza e li metteremo a disposizione dei professionisti del Sociale che operano nei vari Comuni, allora ce la faremo ed i nostri anziani saranno sempre meno soli.

Vittorino Facciolla

Condividi su:

Seguici su Facebook