Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Incidente nei campi, domattina il funerale di Lamano

Condividi su:
Francesco Bottone

SCHIAVI DI ABRUZZO - Si terranno domani mattina, alle ore 10,30, presso la chiesa parrocchiale di San Maurizio Martire di Schiavi di Abruzzo, i funerali dell'uomo rimasto vittima, nel pomeriggio di ieri, di un incidente nei campi.

La piccola comunità di Schiavi torna così a piangere, a pochi mesi di distanza da un analogo episodio verificatosi in frazione Valli, la prematura scomparsa di un suo concittadino.

Arnaldo Lamano, classe 1940, pensionato, sposato e con un figlio, si era ritirato nel suo paese natale, dopo una vita trascorsa a Roma a lavorare, per godersi finalmente la meritata pensione nella tranquillità della montagna e della campagna. E proprio l'amata campagna, invece, si è rivelata infida. L'incidente mortale, infatti, si è verificato proprio nei campi, in un piccolo appezzamento di terra in frazione Valloni, nei pressi dell'abitazione di Lamano, poco distante dalla provinciale che collega Schiavi con Torrebruna. Era a bordo del suo trattore cingolato, nel pomeriggio di ieri, come tante altre volte e stava dissodando la terra, la sua terra, quando qualcosa è andato storto. Il pesante trattore si è inclinato salendo su un dosso e poi, dopo aver colpito probabilmente una grossa pietra con il cingolo, si è capovolto travolgendo il conducente. Per Lamano non c'è stato scampo, la morte è sopraggiunta in pochi istanti per schiacciamento, almeno secondo quanto riferito dal personale sanitario intervenuto. Inutile la corsa del 118 "La Provvidenza" da Castiglione Messer Marino e l'arrivo di un'eliambulanza da Pescara. Soccorsi tempestivi, ma purtroppo inutili. Ai vigili del fuoco di Vasto e Agnone, intervenuti con più mezzi, è toccato l'ingrato compito di recuperare la salma da sotto il pesante mezzo e riconsegnarla alla famiglia. E domattina, nella chiesa parrocchiale, i famigliari di Arnaldo Lamano, potranno dargli l'ultimo saluto.

 

 

Condividi su:
Francesco Bottone

Seguici su Facebook