Partecipa a Alto Molise

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Asd Agnone: il 13 è un giorno fortunato

Condividi su:

AGNONE - Si torna a parlare di corsa. Ormai, è consuetudine fare il resoconto, ai lettori, della piccola società agnonese che continua a partecipare a gare su gare.
Anche oggi, non si farà eccezione.
È sabato che è accaduto il tutto quando il team si è diviso in due gruppi per partecipare a due differenti competizioni; cinque atleti infatti hanno raggiunto Riccia per essere presenti all’inaugurazione del 1° Trofeo Città di Riccia ed è stato così che i nostri prodi hanno partecipato alla storia sportiva di quel piccolo comune lasciando, tra l’altro un segno. Emidio Longo, infatti, ha disputato la contesa in soli 00.39.29 aggiudicandosi il 5 posto di categoria. Un minuto e due secondi dopo Pompilio Sciulli taglia il traguardo (00.40.32) anticipando di una manciata di minuti il compagno Raffaele De Simone (00.46.22). Passa poco prima che Italo Pannunzio (00.47.15) si unisca al team in attesa di Angela Marcovecchio (00.51.45) che ha vinto il primo premio della sua categoria (MF45).
Mentre accadeva tutto questo, altre due compagne di squadra partecipavano alla Ecolonga di Pescasseroli. Maria Lorena Iaciancio è stata la prima a concludere la gara, un percorso arduo di 13 chilometri che la Iaciancio ha completato con un tempo di 01.21.35; sono passati a malapena 11 minuti quando la compagna di squadra Maria Grazia Lalli raggiunge Maria Lorena dopo aver corso per 01.32.03
Vista la particolarità del percorso abbiamo chiesto a Maria Lorena: ti va di commentare la gara?
“Be’, che dire! È stata davvero bella, una gara in montagna con una partenza al centro di questo paesino incantevole e magico e 7 km di salita per scollinare su una veduta fantastica in mezzo al parco nazionale d'Abruzzo. Un accoglienza di paese meravigliosa, la gara emozionante e dura ma come al solito ci siamo difese bene riportando, buoni tempi. All'arrivo ci aspettavano una vera festa nonché questa gene calorosa che ti incitava e ti applaudiva. Sicuramente da pubblicizzare e da rifare!”

Condividi su:

Seguici su Facebook