Da potenziale via turistica di collegamento tra territori a vergognosa discarica: il Trigno

Le sponde invase da cumuli di rifiuti di ogni genere

| di Antonino Dolce
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Costa e zone interne del Vastese. Da tempo ormai immemore se ne parla in conferenze e convegni che hanno per tema una programmazione organica che permetta di collegarle dal punto di vista turistico; a intervalli regolari si torna a parlare di un calendario condiviso degli eventi estivi, senza che mai questo veda la luce. Lo stesso vale per i progetti allo studio per ampliare l’offerta turistica.
Eppure, per compiere un primo piccolo passo in questa direzione, il territorio mette a disposizione qualcosa che c'è da molto prima dell’uomo e delle sue infrastrutture: il fiume.

Il Trigno, nel caso specifico, collega la costa alle zone interne percorrendo tutta la vallata per oltre 80 chilometri tracciando, tra l’altro, il confine tra Abruzzo e Molise. Una ‘strada’ naturale usata da sempre dall’uomo per collegare popoli e territori distanti, ma che oggi è vista come tutt’altro.

Le sue rive sono invase da rifiuti di ogni tipo e dimensione. Nelle foto c’è il tratto della confluenza con il Treste (Lentella), ma la situazione è – purtroppo – comune un po’ a tutto il corso del fiume. Grazie alle strade di accesso ai campi coltivati poco lontani, gli inquinatori anonimi riescono regolarmente a raggiungerle e a sversare ciò di cui non hanno più bisogno: secchi di vernice, materassi, materiale elettrico, detriti di ristrutturazioni, giochi per bambini, sanitari, elettrodomestici ecc. Nascosto tra la vegetazione, inoltre, c’è anche un punto dov’è stato accumulato un cospicuo numero di vecchi frigoriferi.
Anche nella sporcizia e nel degrado il fiume sta lì a indicare l’indissolubile collegamento con la costa. Diversi cumuli abusivi di rifiuti sono stati ‘tagliati a metà’ dall’ultima imponente piena di inizio dicembre. Quello che inizialmente si trovava sulle sponde, lontano dall’acqua, ora è arrivato al mare.

Continua a leggere su iltrigno.net

 

Antonino Dolce

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK