Si riscuotono le pensioni: ufficio postale di Torrebruna rapinato

Il colpo questa mattina alle 10.15

| di Antonino Dolce
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Tornano i primi giorni del mese e - in occasione della riscossione delle pensioni - gli uffici postali del Medio e Alto Vastese diventano preda di rapinatori. Questa mattina è toccato all'ufficio postale di Torrebruna. Le notizie in merito sono ancora molto scarne. Almeno due uomini sono entrati in azione armati intorno alle 10.15, come conferma il Maggiore dei Carabinieri di Vasto Giancarlo Vitiello. Il bottino sarebbe magro, minore di mille euro, in questi istanti le forze dell'ordine lo stanno quantificando. I carabinieri sono alla ricerca dei malviventi, istituiti posti di blocco nella zona.

I PRECEDENTI - Il 'salvadanaio dell'Alto Vastese' è sempre aperto a causa della ridotta presenza delle forze dell'ordine. Quello di oggi è il terzo episodio del 2014: a ottobre era toccato a Dogliola, a febbraio a Carunchio. La lista, però, è ben più lunga:

20 gennaio 2011: in una sola mattinata due tentativi di rapina, uno a Lentella con un taglierino, l'altro a Monteodorisio .

1 aprile 2011: dopo un paio di mesi, a Lentella, l'ufficio postale viene rapinato per davvero da due banditi armati di pistola. 6mila euro il bottino. 

1 agosto 2011: in piena estate tocca alle Poste di Fraine. Due uomini armati di pistola e fucile a canne mozze fanno portano via circa 10mila euro. 

16 marzo 2013: dopo un 2012 tranquillo, è la volta dell'ufficio di Liscia. Questa volta sono in 4 i rapinatori per un 'incasso' di circa 10mila euro .

4 settembre 2013: questa volta i banditi decidono di risparmiarsi la gita in paese e intervengono prima. L'auto dell'Ivri che stava portando il denaro all'ufficio postale di Lentella viene fermata e derubata della cassaforte sulla strada che porta al centro abitato. Bottino, secondo il vigilante alla guida, inutilizzabile per via di un meccanismo di sicurezza e auto usata per l'agguato incendiata poi a San Salvo .

1 febbraio 2014: è la volta di Carunchio. Due uomini armati di pistola fanno irruzione nell'ufficio postale affollato. Consistente il bottino, circa 20mila euro.

28 ottobre 2014: infine, il caso di Dogliola: ufficio svaligiato di notte e bottino di circa 10mila euro. L'auto usata per il colpo - e poi abbandonata - era stata rubata a Tufillo nella sera stessa .

Antonino Dolce

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK