Milano Expo 2015: per il Molise andrà la sola provincia di Campobasso

Sparite la provincia di Isernia e l'Alto Molise

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

Si apprende, da un documento della regione datato 20 gennaio 2015 quali saranno le zone rappresentative del Molise alla prossima Esposizione universale in programma a Milano dal prossimo 1 maggio.

La scelta e la selezione dei luoghi elevati a rappresentanti la regione è stata un lavoro che ha tenuto in considerazione numerosi elementi come la presentazione più reale possibile della regione avvalendosi dell'aiuto di numerose personalità.

Tutto è stato dunque diviso in tre 'potenze', la prima del saper fare, la seconda della bellezza e la terza della potenza. Nel primo caso è stata presa in considerazione la storia di una donna forte e determinata come Carmelina Colantuono di Frosolone. La signora pratica ancora la transumanza lungo le antiche vie tratturali anche con le difficoltà che aumentano di anno in anno viste le condizioni dei sentieri.

Il secondo punto di forza è costituito invece dalla bellezza dei luoghi. Non a caso rappresenteranno il Molise i Trabucchi di Termoli, la Cattedrale di Larino e la Chiesa di San Giorgio Martire a Petrella.

Terzo e ultimo punto sarà infine affidato alla potenza del 'limite' trattando la banca del germoplasma, attraverso la ricerca condotta dalla dottoressa Dalila Trupiano dell'Università degli Studi del Molise su recupero, caratterizzazione e conservazione di ecotipi autoctoni di interesse agroalimentare, come alcune varietà di leguminose molisane.

Interessanti dunque le scelte operate dalla regione che sembra quasi del tutto essersi dimenticata della provincia di Isernia (salvo che per Frosolone) e dell'intera zona dell'Alto Molise. Quest'ultima vanta, tra le altre meraviglie, il parco archeologico di Pietrabbondante, il Giardino della Flora Appenninica di Capracotta, la Pontificia Fonderia di Agnone. Solo tre esempi che lasciano comunque l'amaro in bocca visto che l'intera zona potrebbe rappresentare egregiamente la regione, unitamente, questo è logico, con le meraviglie della costa.

Sembra quasi essere, questo, un ulteriore schiaffo ad una zona che, con le ultime nevicate e suo malgrado, è finita sui giornati di mezzo globo e ha fatto conoscere anche ai più scettici la reale presenza della regione Molise, tante volte dimenticata da quegli italiani che figurano, nella loro mente, che l'Abruzzo confini direttamente con la Puglia. Una zona che ha fuso le campane alla Santa Sede e che non vedrà la propria suonare all'Expo. Già qualcuno grida al complotto ma questa è un'altra storia.

redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 333.6506972
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK