Operazione anticorruzione: altri controlli dalla Guardia di Finanza

Il registro degli indagati conta circa cento nomi

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA
printpreview

ISERNIA - Continua, su scala provinciale l'attività svolta dalla Guardia di Finanza in merito a presunti illeciti sugli appalti pubblici. A quanto pare le gare, che vedevano impegnate diverse aziende, erano pilotate. 

Gli uomini delle Fiamme Gialle hanno condotto le loro indagine anche presso il Comune di Isernia e il palazzo della Provincia ma il loro operato si è anche esteso a Rionero, Castelpetroso, Castelpizzuto e Carovilli.

L'intera inchiesta si è sviluppata a macchia d'olio a partire dal dicembre scorso e ha visto coinvolti circa venti comuni in totale con circa cento nomi ascritti nel registro degli indagati. Le personalità controllate variano tra tecnici, amministratori e imprenditori. Gli appalti pilotati sembrano essere di qualsiasi tipo, sia quelli più 'economici' che quelli, le cui cifre, si aggirano intorno al milione di euro.

I capi di imputazione nei confronti degli indagati sono associazione a delinquere finalizzata alla turbativa d'asta, abuso d'ufficio, corruzione e concussione, tuttavia nessuna informazione trapela dalla procura e dal comando delle Fiamme Gialle. Non si esclude l'eventuale collaborazione di alcuni degli indagati facenti parte di un meccanismo messo in piedi al fine di gestire il territorio con procedure specifiche bypassando le gare pubbliche.

 

 

redazione

Contatti

redazione@altomolise.net
mob. 320.8428413
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK